Istra 1961 a Koprivnica con tanto entusiasmo

Con lo Slaven, nell’anticipo della 22ª giornata di campionato, i gialloverdi vogliono dare seguito alla vittoria contro l’Osijek. L’attaccante Ekong: «Siamo pronti»

0
Istra 1961 a Koprivnica con tanto entusiasmo
Paolo Tramezzani ed Emmanuel Ekong. Foto: FREDY POROPAT

Forte della prima vittoria nella seconda parte di stagione con l’Osijek (1-0), che ha coinciso con il debutto sulla panchina del nuovo allenatore Paolo Tramezzani, l’Istra 1961 questo pomeriggio (inizio del match alle 17, arbitro Erceg di Benkovac) nell’anticipo del 22º turno della SuperSport HNL affronta a Koprivnica lo Slaven Belupo. La squadra di casa, al momento a cinque lunghezze dai gialloverdi, è reduce dalla pesante sconfitta in casa dell’Hajduk (4-0), per cui cercherà sicuramente di riscattarsi. Inoltre avrà a disposizione il pericoloso attaccante Robert Murić, che tanto bene aveva fatto al Rijeka (nei giorni scorsi si parlava addirittura di un suo ritorno a Fiume), appena ingaggiato. Tutto ciò comunque non desta particolare preoccupazione all’allenatore emiliano, anzi, alla conferenza stampa prima della partenza per Koprivnica è apparso alquanto rilassato e fiducioso.

“Ci siamo allenati bene per tutta la settimana – ha puntualizzato Tramezzani –, e analizzato l’ultima partita che abbiamo fatto, visto sia le cose positive che quelle su cui abbiamo più bisogno di lavorare. C’è stato un buon impegno, sicuramente uno spirito buono, come tra l’altro la settimana scorsa. Stiamo cercando di mettere le basi per far sì che determinate cose questa squadra le abbia, e le possa mantenere. Abbiamo svolto pure un lavoro tattico e più ci siamo avvicinati alla partita abbiamo analizzato l’avversario e provato alcune soluzioni di gioco. La squadra dunque arriva alla gara dopo una buona settimana”.
In quanto all’undici titolare il tecnico non ha voluto esprimersi, limitandosi a dire che in settimana è riuscito a conoscere meglio tutti i giocatori, ricevendo delle belle risposte anche da coloro che non hanno giocato l’ultima partita. “Solitamente in merito alla squadra titolare decido appena il giorno prima, o anche in seguito all’ultimo allenamento. Mi prendo sempre qualche ora in più per rivedere tutta la settimana, e parlare con lo staff per capire quali sono i giocatori che devono iniziare dal primo minuto. L’avversario? Ho visto l’ultima gara con l’Hajduk e fino al gol subito negli ultimi secondi del recupero del primo tempo è stato un avversario che ha fatto una partita vera. Che è molto organizzato, che ha concesso poco, che sa difendersi bene però anche essere pericoloso quando ti attacca perché lo fa con qualità e velocità, per cui sono conscio delle difficoltà che potremo avere nella partita di domani (oggi per chi legge). Abbiamo un grande rispetto nei confronti dello Slaven Belupo, come ci deve essere per tutte le squadre. Sappiamo che non sarà una gara facile, però vogliamo provare a fare le cose che sappiamo fare. Se saremo concentrati e attenti credo che siamo in grado di fare una buona partita”, ha detto Tramezzani, che oggi non potrà fare affidamento su Mlinar, che non ha ancora recuperato dall’infortunio, nonché dello squalificato Maurić.
Presente all’incontro stampa pure l’attaccante Emmanuel Ekong, che contyo l’Osijek ha segnato la sua prima rete stagionale che è valsa la vittoria ai gialloverdi. “La squadra è pronta per affrontare lo Slaven Belupo, e l’importante sarà mantenere la mentalità giusta come fatto contro l’Osijek. Confido in una nostra buona prova e nella forza dell’intero team. Certo che daremo il massimo di noi stessi, e poi vedremo come andrà a finire questo incontro che si prospetta interessante”. ha concluso Ekong.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

L’utente, previa registrazione, avrà la possibilità di commentare i contenuti proposti sul sito dell’Editore, ma dovrà farlo usando un linguaggio rispettoso della persona e del diritto alla diversa opinione, evitando espressioni offensive e ingiuriose, affinché la comunicazione sia, in quanto a contenuto e forma, civile.

No posts to display