Il dischetto ancora una volta fatale all’Istra

Jugović si oppone alla conclusione di Vojković. Foto Davor Javorovic/PIXSELL

La storia si ripete ancora una volta. L’Istra 1961 lotta con il coltello fra i denti, mette a tratti in difficoltà il più quotato avversario, ma alla fine cede su calcio di rigore. Qualche giorno fa era capitato al Drosina con il Rijeka, sabato pomeriggio invece i polesi sono stati battuti in casa dell’Osijek grazie al gol dal dischetto dell’ex Ramon Mierez, uno che fa spesso la differenza. Ecco, è proprio questo che manca a Fausto Budicin: un giocatore dal gol facile, in grado di concretizzare le occasioni capitate. Così, invece, siamo alle solite: complimenti ai polesi, ma punti agli avversari. Aspettarsi comunque qualcosa in più al Gradski vrt, contro una squadra che punta decisa al titolo, è quasi un discorso utopico, però non sarebbe stata certo un’ingiustizia se l’Istra 1961 avesse strappato un pareggio. Del resto, è stato il turno delle sorpresone, con i successi dello Šibenik e della Lokomotiva rispettivamente in casa di Dinamo (2-1) e Hajduk (1-0). Risultati, tra l’altro, che non fanno per nulla felici i gialloverdi, ora ultimi in classifica seppur con partite in meno delle dirette concorrenti per la salvezza. Ma anche questa attenuante rischia di diventare inutile se non si inizierà a vincere, per lo meno con le squadre più abbordabili.

Osijek-Istra 1-0

MARCATORE: 1-0 Mierez (R) al 30’.
OSIJEK (4-4-2): Ivušić, Jurčević, Lončar, Caro, Miloš, Pilj (dal 56’ Brlek), Žaper, Jugović (dal 71’ Kleinheisler), Bočkaj (dal 90’ Lopa), Bohar (dal 71’ Erceg), Mierez. All.: Nenad Bjelica.
ISTRA 1961 (4-5-1): Lučić, Hujber, Perera (dal 79’ Halilović), Ivančić (dal 60’ Guzina), Lončar, Galilea (dal 79’ Sane), Tomašević, Vojković (dal 69’ Kim), Šutalo, Špoljarić, Vuk. All.: Fausto Budicin.
ARBITRO: Strukan di Spalato.
NOTE: stadio Gradski vrt. Ammoniti: Mierez, Žaper, Jurčević, Lončar, Hujber, Kim, Tomašević, Šutalo.

Classifiche fornite da SofaScore LiveScore

 

Facebook Commenti