Igor Bišćan: «Ci vuole la massima attenzione»

Stasera (ore 21) il Rijeka fa visita alla Lokomotiva

Nel Pavletic/PIXSELL

FIUME | Oggi alle 21, nell’ambito del secondo turno di campionato, il Rijeka scende in campo contro la Lokomotiva in via Kranjčević. Anche se non ha un seguito di tifosi, è una squadra che di stagione in stagione conferma di essere una realtà stabile del calcio croato. Che sia o meno la succursale della Dinamo, a questo punto, conta poco. Nel primo turno di campionato ha perso al Maksimir contro la Dinamo per 3-0, ma il risultato la penalizza fin troppo.
L’ultima volta che i fiumani hanno giocato contro la Lokomotiva a Zagabria sono tornati a casa con il bottino pieno, ma in passato, anche in tempi non lontanissimi, ci sono stati molte delusioni. La cautela dell’allenatore Igor Bišćan alla vigilia del match è pertanto giustificata: “Contro di loro è sempre un impegno serio. La Lokomotiva, anche se sconfitta con la Dinamo, ha fatto vedere delle buone cose, che ci inducono a prenderla con la massima serietà. Sono veloci e molto insidiosi quando si propongono in attacco, con alcune individualità importanti”. Il riferimento, probabilmente, è a Ivanušec e Uzumi, due velocisti.
Per quel che mi ricordo, lì non vinciamo spesso – ha aggiunto lo stopper Roberto Punčec – e in questo momento non siamo nelle condizioni di forma ottimali. Dobbiamo fare bene, partita dopo partita, aumentando autostima e consapevolezza nei propri mezzi, soprattutto in vista degli incontri nelle competizioni europee. Vogliamo essere al top nei momenti cruciali”.
Contro il Varaždin il Rijeka non ha entusiasmato, se non per le due prodezze di Robert Murić che ha realizzato due gol da antologia. Non sono disponibili oggi Gorgon, Puljić e Mamić, mentre Acosty, che alcuni media sostengono sia sul piede di partenza, ci sarà nel referto e, forse, anche in campo. “Per poter tornare a casa con i tre punti da Zagabria ci vorrà ben altro rispetto a quanto abbiamo fatto vedere a Rujevica nel primo turno contro il Varaždin”, ha puntualizzato il tecnico del Rijeka che, su richiesta dei giornalisti alla conferenza stampa, ha dovuto accennare anche all’Europa League. Ha visto soltanto le fasi finali dell’incontro Cikhura-Aberdeen, la cui vincente sarà avversaria del Rijeka nella doppia sfida del terzo turno preliminare della competizione. La gara è stata comunque seguita dagli osservatori fiumani.
Pavelić, Velkovski e Vuk sono alcuni dei nomi che non erano nemmeno inseriti nel referto per la prima di campionato. “La rosa è ampia e con il passare delle settimane, quando avremo un calendario più intenso, ci sarà sicuramente spazio per tutti. La concorrenza c’è e deve esserci”, aggiunge Bišćan. Restando in tema di giovani, sembra scontato l’utilizzo di Lepinjica, autore di una buona prova contro il Varaždin, con pochi passaggi sbagliati. Per la precisione, su 114 ne ha sbagliati tre. In ogni azione il pallone passa per i suoi piedi. Anche il tecnico si dice soddisfatto del mediano: “Ha trovato delle ottime soluzioni e, soprattutto, un grande suggerimento per Tomečak lanciato verso l’area avversaria. In primo luogo dobbiamo tenere conto del fatto che è limitato dal suo ruolo. Ha una grande responsabilità e spesso l’unico che non può permettersi di perdere il pallone”.

Facebook Commenti