Hns, Nzs e Uefa uniti per i terremotati

Il 13 marzo a Petrinja amichevole umanitaria tra le vecchie glorie di Croazia e Slovenia

Davor Šuker e Aleksander Čeferin in una foto d’archivio

A poche ore dalla forte scossa di terremoto che aveva colpito lo scorso 29 dicembre la zona Petrinja e Sisak, ma un po’ tutta la Banija, il presidente dell’Uefa, lo sloveno Aleksander Čeferin, aveva contattato il numero uno della Federcalcio croata, Davor Šuker, per trovare il modo in cui aiutare le popolazioni di quella zona. Su iniziativa congiunta dei due, il 13 marzo prossimo a Petrinja verrà disputato un incontro umanitario tra le vecchie glorie di Croazia e Slovenia, in occasione della quale l’Uefa effettuerà una donazione alla Croce rossa croata come aiuto per le zone terremotate. “in questo periodo difficile, i nostri pensieri vanno alla gente croata. Ci auguriamo che gli aiuti da parte della grande famiglia calcistica potranno alleviare le sofferenze della gente e contribuire alla ricostruzione della regione di Petrinja”, ha fatto presente Čeferin. La Federcalcio croata farà invece una donazione all’Associazione calcistica della Regione di Sisak e della Moslavina, destinata alla ricostruzione dell’infrastruttura sportiva delle zone terremotate. Anche la Federcalcio slovena (Nzs), con in testa il presidente Radenko Mijatović, parteciperà attivamente all’evento, raccogliendo mezzi finanziari. “Siamo testimoni di una grande gara di solidarietà e amicizia all’interno di quella che è una famiglia europea. Sono convinto che il calcio sia uno dei migliori modo per far ritrovare il sorriso alla gente, soprattutto ai bambini. Speriamo che questa partita possa essere l’inizio simbolico della ripartenza, di un nuovo inizio della vita normale”, ha aggiunto Šuker.

 

L’amichevole tra le vecchie glorie di Croazia e Slovenia avrà luogo il 13 marzo con inizio alle ore 13 allo stadio della Mladost di Petrinja.

Facebook Commenti