Fiume. Primo passo verso il rilancio della pallacanestro

Sottoscritto l'accordo di collaborazione tra le società Kvarner 2010, FSV e Ri Basket, con il sostegno dell'Assosport locale

0
Fiume. Primo passo verso il rilancio della pallacanestro
Stevica Rusmir, Goran Lončar, Dorotea Pešić Bukovac e Sanjin Kurević. Foto: IVOR HRELJANOVIĆ

L’unione fa la forza. È partendo da questo concetto che il basket fiumano vuole rinascere dalle proprie ceneri. Le società Kvarner 2010, Flumen Sancti Viti e Ri Basket, con il sostegno dell’Assosport locale, hanno sottoscritto un accordo di collaborazione che mira a far crescere l’intero movimento sotto canestro, che versa da anni in una profonda crisi, soprattutto a livello seniores, con il Kvarner che da diverse stagioni naviga nei bassifondi della seconda divisione. Interscambio di allenatori, organizzazione di camp estivi e partecipazione a tornei internazionali sono solo alcuni degli aspetti previsti da questa collaborazione. “Bisogna ripartire dalle basi, ovvero dalle categorie giovanili perché è questo il principale presupposto per avere delle squadre competitive a livello seniores – sottolinea il segretario dell’Assobasket di Fiume, Robert Jurković –. Il nostro è un progetto a lungo termine perciò non aspettiamoci risultati dall’oggi al domani. L’obiettivo è riportare il Kvarner in Premier League tra uno o due anni e poi più avanti disputare una competizione europea. Non avere una squadra nel massimo campionato significa perdere i nostri migliori talenti perché per ambire a certi traguardi sono costretti a lasciare Fiume e questo non lo vogliamo più permettere”.
La collaborazione avrà una struttura piramidale. “Onde evitare di disperdere il talento, è stato deciso di comune accordo che Ri Basket si occuperà della selezione giovanissimi, FSV degli allievi, mentre gli juniores e i seniores saranno sotto la gestione del Kvarner”, ha spiegato il segretario di quest’ultimo, Sanjin Kurević.

«Una maratona, non i 100 metri»
Da un paio di stagioni a questa parte, l’unica squadra del capoluogo quarnerino a competere nella massima serie è il FSV, la cui formazione femminile milita in Premier League. “Ora è giunto il momento di avere anche un club maschile ai massimi livelli. Questa collaborazione, i cui primi colloqui risalgono al maggio scorso, rappresenta un primo passo in tale direzione, ma ci vorrà tanta pazienza trattandosi di un processo che richiede tempo perché siamo davanti a una maratona e non ai 100 metri piani”, ha aggiunto il presidente del FSV, Goran Lončar.
Stevica Rusmir, capoallenatore del Ri Basket, ha ricordato che già in passato erano sorte delle “mini collaborazioni tra club locali, ma ora per la prima volta abbiamo messo in piedi un progetto serio e a lungo termine”. Infine, la presidente dell’Assosport fiumano, Dorotea Pešić Bukovac, ha ribadito che l’obiettivo è “riportare il basket fiumano ai fasti di un tempo. Io però resto un po’ impaziente e mi auguro che la svolta arrivi in tempi più ristretti rispetto a quelli previsti”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display