Europei U. 21. Croazia KO (2-1) ma Bradarić la porta ai quarti

Domagoj Bradarić festeggiato dai compagni di squadra

Obiettivo raggiunto, nonostante la sconfitta. La Croazia cede per 2-1 all’Inghilterra, ma complice il netto successo del Portogallo sulla Svizzera accede (per la prima volta nella sua storia) ai quarti di finale degli Europei Under 21 in virtù della classifica avulsa (tre nazionali a quota 3 punti). Il 31 maggio per i ragazzi di Igor Bišćan ci sarà a Maribor la Spagna, vincitrice del gruppo eliminatorio B. I biancorossi sembravano ormai spacciati, ma la rete di Bradarić al 91’ ha cambiato completamente il discorso qualificazione. Il tecnico zagabrese opera un cambio rispetto alla gara con la Svizzera, mentre Boothroyd rivoluziona la squadra per sette undicesimi. Diverse anche le assenze per infortunio. I giovani croati iniziano con il piglio giusto, costringendo gli avversari alla difensiva. Ma al 9’, nell’arco di pochi secondi, i Tre Leoni vanno vicini al vantaggio. Prima Nketiah non trova la deviazione vincente e poi Jones colpisce la traversa. Passano tre minuti e arriva purtroppo anche il gol. Franjić commette fallo su McNeil e l’arbitro assegna il rigore, per la verità molto dubbio. Eze spiazza Kotarski e rimette in corsa i suoi. I ragazzi di Bišćan accusano il colpo e faticano a reagire. Ivanušec, in assenza di Majer il motorino della squadra, è marcato a dovere e non riesce a incidere. Alla mezzora manca poco per il pareggio. Moro va via sulla sinistra e mette in mezzo per Špikić, che da 7-8 metri spara alto. Poi ci prova Ivanušec, ma Ramsdale blocca. Al 37’ il giocatore della Dinamo ruba palla a un difensore e si presenta a tu per tu con il portiere, che riesce ad avere la meglio. Due occasioni colossali, che potrebbero costare molto care visto che subito dopo Jones sfiora il raddoppio. La ripresa si apre con la doppia occasione per Eze e Tanganga. La Croazia sembra in netta difficoltà, costretta alla difensiva da un Inghilterra che ha assolutamente bisogno di segnare il secondo gol. Ci va vicino McNeil al 62’, ma la palla colpisce ancora una volta la traversa. Bišćan prova a scuotere i suoi, che si fanno pericolosissimi al 70’. Ivanušec lancia in contropiede Moro, ma il capitano calcia malissimo da posizione favorevole. Quattro minuti dopo l’episodio il raddoppio. Su una prolungata azione offensiva, dopo un batti e ribatti in area di rigore, la palla arriva sul piedi di Jones, il cui rasoterra non lascia scampo a Kotarski per il 2-0. Per passare la Croazia deve ora assolutamente segnare. Lo fa con la mossa della disperazione, una bellissima conclusione dai 22-23 metri di Bradarić che non lascia scampo a Ramsdale. La Croazia è scesa in campo con: Kotarski, Šverko (dall’86’ Musa), Vušković, Franjić, Bradarić, Bistrović (dal 76’ Majer), Moro, Babec (dal 64’ Žaper), Špikić (dal 64’ Čolina), Ivanušec, Vizinger (dall’86’ Divković).

Facebook Commenti