Enrico Marotti: «Ho voluto strafare»

Il surfer di Volosca non nasconde la delusione per il quarto posto a Bol nella tappa inaugurale della nuova stagione

0
Enrico Marotti: «Ho voluto strafare»
Foto: ŽELJKO JERNEIĆ

La Coppa del Mondo di windsurf è scattata in quel di Bol, sull’isola di Brazza (Brač), che ha ospitato la prima tappa della stagione 2022. Nella disciplina slalom il protagonista più atteso era naturalmente Enrico Marotti.

Il surfer di Volosca è stato a lungo in lotta per un posto sul podio, alla fine però ha dovuto accontentarsi del quarto posto. Non senza qualche rimpianto. Dopotutto era la gara di casa e puntava a iniziare la nuova stagione col botto.
“Ho voluto strafare e ho commesso un paio di errori che mi sono costati il podio – ammette Marotti –. Fino alle ultime due regate ero terzo e in corsa anche per la vittoria, poi ho sbagliato lo start, ho perso terreno e non sono più stato in grado di recuperare. Dispiace perché ci tenevo un sacco a questa gara. Ero anche veloce, ma non ho saputo capitalizzarlo nei momenti chiave. So che dall’esterno questo quarto posto può sembrare un buon punto di partenza visto che si è trattato dell’esordio stagionale e anche perché al via c’erano tutti i migliori, ma dalla mia prospettiva non è così perché so che avrei potuto fare molto di più. Non scendo in acqua per puntare al quarto posto, però ormai è andata. La stagione è comunque ancora lunghissima e resto fiducioso”.

Foto: IVOR HRELJANOVIĆ

«Sono contento per Martini»
A Bol ha risuonato l’Inno di Mameli. “Ha vinto Bruno Martini e sono felice per lui perché si tratta della sua prima vittoria in Coppa del Mondo e finalmente è riuscito a rompere il ghiaccio. E poi siamo compagni di team perciò a livello di squadra possiamo essere molto soddisfatti per aver piazzato due atleti ai primi quattro posti. Oltretutto ha vinto con l’attrezzatura che ho sviluppato io e ciò significa che ho fatto un ottimo lavoro e che abbiamo dei materiali molto veloci. Siamo stati anche fortunati con il meteo perché le condizioni erano veramente al top. Abbiamo avuto cinque giorni di maestrale tra i 10 e 25 nodi e non potevamo chiedere di più. La prossima tappa? Dovrebbe essere Fuerteventura (Canarie, nda), ma non è stata ancora confermata. Staremo a vedere”.

Obiettivo CdM
Enrico Marotti non si nasconde più e quest’anno è determinato a portare a casa la Coppa del Mondo. “Già la scorsa stagione ho avuto la conferma di poter ambire a questo traguardo giocandomela con i migliori in ogni regata. Ho trovato la necessaria continuità e ora sono costantemente là davanti in lotta per la vittoria. È un obiettivo ambizioso e non sarà facile centrarlo in quanto la concorrenza è bella agguerrita, ma io ci sono”.

Dubbio mondiale
L’anno scorso si è laureato per la seconda volta campione del mondo trionfando alla rassegna iridata tenutasi in Grecia. Quest’anno però potrebbe anche decidere di non difendere il titolo. “In questo momento il focus è sulla Coppa del Mondo. Se sarò in lotta per il titolo allora salterò il Mondiale, in caso contrario probabilmente ci sarò. Dipende tutto da come andrà la stagione. La preparazione? Ho subito un infortunio alla spalla che continua ancora a darmi un po’ fastidio e lo farà anche nelle prossime settimane, ma ci vuole ben altro per mettermi KO”, ha concluso Enrico Marotti.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display