Dion Drena Beljo promette battaglia

Domani (ore 17) l’Istra 1961 sarà di scena al Gradski vrt contro l’Osijek. L’ottimismo non manca

0
Dion Drena Beljo promette battaglia

Ottenuta la matematica salvezza dopo il KO di ieri del Dragovoljac in casa dell’Hajduk, l’Istra 1961 può ambire anche alla conquista del settimo posto in quanto lo Slaven Belupo è distante soltanto 4 punti. E il calendario dei polesi non è impossibile, anche se devono andare a far visita all’Osijek e all’Hajduk, due squadre che ancora cullano sogni di gloria. Nelle due partite casalinghe invece gli istriani affronteranno lo Šibenik (che ha due punti in più) e appunto lo Slaven Belupo. Una premessa comunque è doverosa. Per risalire la china in classifica i gialloverdi devono tornare alla vittoria. E il successo pieno manca ormai da 11 giornate. Nel frattempo la squadra di Gonzalo Garcia ha collezionato 5 sconfitte e 6 pareggi. Domani dunque i polesi vogliono tornare a far punti, anche se l’impresa si presenta difficilissima in quanto l’avversario di turno sarà l’Osijek, che avrà anche dalla propria parte il fattore campo visto che si giocherà al Gradski vrt.

“Fa male sapere che siamo già da 11 partite senza vittoria. In questo periodo abbiamo anche disputato delle buone gare nelle quali meritavamo qualcosa di più, ma ormai è tardi per piangere sul latte versato. Ora dobbiamo reagire come si deve in casa dell’Osijek, che sicuramente farà di tutto per batterci”, spiega Dion Drena Beljo, giunto in prestito all’Istra 1961 proprio dalla compagine della Slavonia. “Giocare contro la squadra proprietaria del tuo cartellino è una sensazione strana, specialmente a Osijek dove ci saranno sugli spalti anche la mia famiglia e i miei amici. Comunque i tifosi dell’Istra 1961 possono stare tranquilli, darò il massimo anche in questa partita”, ha aggiunto l’ariete dei gialloverdi, che in questo campionato ha già segnato 13 reti per i polesi (alle quali vanno aggiunte le cinque in Coppa). “Non sono molto lontano dal record di gol in una stagione per l’Istra 1961 ottenuto da Dejan Radonjić con 16 reti. Ho a disposizione ancora quattro partite e spero di superarlo”, ha concluso Drena Beljo.

Parlando di formazione, l’allenatore Gonzalo Garcia non avrà a disposizione per somma di ammonizioni il centrocampista arretrato Antonio Perera. Il calciatore spagnolo finora ha raccolto ben 15 cartellini gialli in questa stagione. D’altro canto il tecnico potrà contare sull’esterno Mateo Lisica, che si candida da titolare. Questo dunque l’undici più probabile: Lučić, Hujber, Joao Silva, Galilea, Perković, Mlinar, Blagojević, Caseres, Lisica, Mišković (Bandé), Drena Beljo. La partita (inizio alle ore 17) sarà diretta dallo spalatino Duje Strukan.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display