Damir Mišković: «Su la testa»

Il presidente del Rijeka si rivolge con un messaggio alla squadra e ai tifosi alla vigilia della partita di domenica con la Dinamo

Damir Mišković, patron del Rijeka. Foto: Nel Pavletic/PIXSELL

“Abbiamo ancora degli obiettivi da centrare! Staff tecnico, giocatori e dirigenza ce la stanno mettendo tutta. Possiamo vincere la Coppa Croazia, ma prima vogliamo assicurarci la partecipazione alle competizioni europee. Su la testa!”, è il messaggio del presidente del Rijeka, Damir Mišković, alla squadra e ai tifosi in vista dell’incontro con la Dinamo, in programma domani sera, domenica 5 luglio, alle 21.05 a Rujevica. La sfida tra i fiumani, reduci da cinque gare senza vittoria, da tre sconfitte consecutive, e la Dinamo che si è da tempo aggiudicata l’ennesimo titolo, viene vissuta come un’occasione per tornare in sella, forse l’ultima.
Ieri non ci sono state dichiarazioni, interviste o conferenze stampa, provvisoriamente sospese per motivi epidemiologici. Dall’ufficio stampa di Rujevica ci è stato chiesto di concedere alla squadra e all’allenatore un altro giorno di tranquillità. Che ce ne sia bisogno lo dimostrano i numeri di queste ultime settimane durante le quali il Rijeka ha perso quasi tutte le chance di agganciare il secondo posto, che quest’anno conduce ai preliminari di Champions League. Negli ultimi sette anni il Rijeka è sempre stato il principale antagonista della Dinamo, per sei volte secondo e una volta, tre anni fa, in vetta con il primo storico titolo. Basta uno sguardo alla classifica per rendersi conto che questo traguardo è quasi irraggiungibile anche se sognare è sempre permesso. Come ha detto il presidente Mišković, prima della finale di Coppa a Sebenico con la Lokomotiva, occorre assicurarsi la partecipazione ai preliminari di Europa League a cui accedono la terza e quarta in campionato. Ora i fiumani sono quinti. Inoltre, c’è anche un “trofeo” in palio, un successo platonico, legato alla rivalità con l’Hajduk che, a sua volta, non sta vivendo uno dei suoi periodi migliori. Pertanto, c’è anche l’obiettivo di chiudere davanti agli spalatini, come è avvenuto nelle ultime sette stagioni. La tifoseria fiumana aveva “promesso” ai rivali dalmati che sarebbero rimasti davanti per cent’anni…
Dopo la straordinaria stagione 2016/17 il club ha attraversato periodi difficili, dalle qualificazioni mancate in Europa all’uscita di scena dell’allenatore Matjaž Kek dopo quasi sei anni, dall’arrivo di Igor Bišćan allo sciopero degli ultrà, dalla partenza di quest’ultimo all’arrivo di Simon Rožman, che ora vive un momentaccio. Franko Andrijašević ha assistito da vicino a molti di questi eventi e ammette: “Questo è sicuramente il periodo più difficile da quando sono al Rijeka”.
La squadra ha bisogno di ricaricarsi per potersi presentare a Rujevica, davanti ai tifosi, in maniera convincente, possibilmente con i fuochi d’artificio a fine gara, quelli a cui non si è ancora assistito dopo la ripresa del campionato. Le partite con la Dinamo e con l’Hajduk sono quelle che quasi sempre fanno registrare il tutto esaurito, a prescindere dalla situazione in classifica, ma domani sera non potrà esserci il pubblico delle grandi occasioni. A causa del Covid-19 e delle misure per il contenimento dei contagi, anche all’incontro con la Dinamo potranno assistere soltanto gli abbonati. I botteghini, pertanto, resteranno chiusi. Ci sarà anche la tifoseria ospite a cui i tagliandi verranno venduti a Zagabria.
Per questa partita saranno aperti tutti i settori dello stadio nei quali occorrerà rispettare le misure raccomandate dall’Istituto croato per la salute pubblica che consiglia un distanziamento di 1,5 nelle manifestazioni all’aperto, da rispettare anche ai tornelli e nei corridoi che conducono agli spalti. Inoltre, gli spettatori dovrebbero misurare la temperatura corporea prima di recarsi a Rujevica, restando a casa se questa dovesse superare i 37,2°C.
Sono attesi, quindi, in tremila circa, un numero sufficiente per dare la spinta a una squadra che vuole smettere di fare regali e di concedere sconti. Ce ne saranno, quelli di fine stagione, nel fan shop dello stadio dove i prodotti della collezione 2019/20 dello sponsor tecnico del Rijeka saranno in vendita a prezzi scontati.

Facebook Commenti