Aggressione a Čolak: Grezda rischia anche il carcere

Un contrasto tra l'attaccante albanese dell'Osijek, Eros Grezda e il portiere del Rijeka, Ivor Pandur. Foto Nel Pavletic/PIXSELL

Nonostante risalga alla fine di maggio, la coda di Rijeka-Osijek di Coppa si allunga ancora. La Commissione disciplinare della Federcalcio aveva inflitto una sospensione di quattro partite al calciatore dell’Osijek, Eros Grezda, a causa dell’aggressione alla punta fiumana Antonio Mirko Čolak, avvenuta a fine gara nel parcheggio dello stadio Rujevica. L’Osijek calcio ha ridotto del 20% lo stipendio al suo calciatore per l’anno a venire. Ora manca la decisione del tribunale civile. La Questura della Regione litoraneo-montana ha presentato una denuncia contro Grezda con l’accusa di aver violato l’articolo 13 del Codice civile, quello inerente il disturbo della quiete pubblica. Qualora Grezda dovesse venir condannato rischia fino a 30 giorni di carcere o una multa compresa fra le 200 e le 800 kune.

Facebook Commenti