Google dice addio a Huawei

L'amministrazione Trump ha inserito il colosso cinese nella lista nera, vietandone l'uso per motivi di sicurezza nazionale 

Foto Luka Stanzl/PIXSELL

Huawei, come annunciato da tempo, finisce nel mirino degli Stati Uniti. Ma questa volta dalle parole si passa ai fatti. Google, infatti, ha sospeso ogni attività portata avanti con il colosso tecnologico cinese. Lo riporta in esclusiva Reuters. Si tratta di un colpo pesantissimo per Huawei, dopo che l’amministrazione Trump ha inserito l’azienda nella lista nera, vietandone l’uso per motivi di sicurezza nazionale. Nel dettaglio – spiega Reuters – gli smartphone e gli altri apparecchi Huawei venduti fuori dalla Cina dovrebbero perdere l’accesso agli aggiornamenti del sistema operativo di Google, Android. Non solo, dovrebbero perdere l’accesso anche ad alcuni dei popolarissimi servizi di Google, come il Google Play Store, YouTube e il servizio di posta elettronica Gmail.
Nessuna ripercussione per i possessori degli smartphone cinesi
L’annuncio di Google relativo alla sospensione del supporto ai servizi Google Play Store per i prodotti Huawei sta sollevando decine di domande fra i consumatori. Prima fra tutta, coloro che posseggono già uno smartphone dell’azienda cinese chiedono se potranno ancora aggiornarlo, o se dovranno fare a meno di tutti i servizi di Google. Huawei ha appena diffuso una nota ufficiale in cui puntualizza che gli smartphone già in commercio continueranno a funzionare regolarmente e sarà garantita l’assistenza post vendita.

Facebook Commenti