Croazia. Economia: Germania e Italia
i principali partner

Foto Željko Jerneić

La Germania e l’Italia hanno mantenuto i primi due posti nella graduatoria dei principali partner commerciali della Croazia. Nel primo quadrimestre del 2019 sul mercato tedesco sono state esportate merci per 525,2 milioni di euro (+12,7 p.c. rispetto allo stesso periodo del 2018). Contemporaneamente, dalla Germania sono stati importati beni per 943,8 milioni (+8,4 p.c.). In Italia, invece, sono stati esportati beni per 525,1 milioni di euro (+13,5 p.c.).
A loro volta le società e imprese italiane hanno venduto in Croazia merci per 875,2 milioni di euro (+5,3 p.c.). A presentare i dati è stato ieri l’Istituto statale di statistica della Croazia (DZS), che li ha pubblicati corretti, attinenti all’andamento dell’export e dell’import nei primi tre mesi del 2019, ossia le proiezioni attinenti ai primi quattro mesi dell’anno.

L’import supera l’export

Nel primo trimestre del 2019 il valore dell’export ha toccato i 35,9 miliardi di kune (+7,7 p.c. rispetto allo stesso periodo del 2018). Contemporaneamente, però, il valore dei beni importati nel Paese è stato valutato a 61,3 miliardi di kune (+8,87 p.c.). In altre parole, i proventi delle esportazioni sono equivalsi al 58,5 p.c. del valore dei beni importanti (-0,5 p.c.). Di conseguenza, il disavanzo della bilancia commerciale è lievitato a 25,5 miliardi di kune, 2,3 miliardi in più rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso. Se i valori delle esportazioni e delle importazioni venissero espressi in euro la situazione sarebbe leggermente diversa. In quel caso le esportazioni avrebbero raggiunto quota 4,83 miliardi di euro (+8,2 p.c.), mentre le importazioni si sarebbero attestate attorno agli 8,3 miliardi (+9,2 p.c.).

Mercati europei ed extraeuropei

La maggior parte dei beni prodotti in Croazia ed esportati all’estero è stata piazzata nei mercati dei Paesi membri dell’Unione europea (24,5 miliradi di kune, ossia il 5,8 p.c. in più rispetto allo stesso periodo del 2018). L’export di merci è aumentato anche verso i Paesi extracomunitari (11,4 miliardi di kune, +12 p.c.). D’altro canto le importazioni provenienti dall’Unione europea sono cresciute dell’11,4 p.c. (50 miliardi di kune), mentre il valore delle merci giunte nella Repubblica di Croazia dai Paesi extra UE è calato del 2 p.c. (11,3 miliardi).
Il DZS ha pubblicato anche il dato corretto relativo all’andamento dell’export-import nei primi tre mesi del 2019.
A seconda che il valore delle merci sia espresso in kune o euro, l’export è lievitato rispettivamente dell’8,9 e del 9,6 per cento, mentre le importazioni sono cresciute del 6,1, ossia del 6,7 p.c.

Facebook Commenti