Consiglio CNI. Pellizzer riconfermato presidente

Ieri la seduta costitutiva dopo le elezioni del 5 maggio scorso

Seduta costitutiva del Consiglio della minoranza italiana della regione istriana

POLA | Seduta costitutiva ieri del Consiglio della minoranza italiana della Regione istriana, organismo scaturito dalle elezioni che si sono svolte lo scorso 5 maggio. Il Consiglio, che conta 25 membri, ha eletto presidente Gianclaudio Pellizzer di Rovigno, che ne aveva retto il timone anche durante la passata legislatura, benché in una situazione di pluralità di formazioni (liste) politiche. Pellizzer è stato eletto con 22 voti favorevoli e nessun contrario, quindi all’unanimità.

Concluso il procedimento della sua elezione, mediante voto segreto, il neoeletto presidente ha dichiarato quanto segue: “Avrei preferito una seconda lista alle elezioni di inizio maggio, come avrei preferito una seconda candidatura in quest’occasione, ma tant’è. Dunque, con oggi inizia la nostra rinnovata missione. Si tratta di un incarico che ci impegna a promuovere e sorvegliare la tutela dei diritti della minoranza italiana in Istria. Come sapete, abbiamo dei diritti e dei doveri garantiti dalla Costituzione, e noi abbiamo il compito di vigilare sulla loro corretta attuazione”, ha concluso Pellizzer dopo essersi ripreso la carica lasciata soltanto temporaneamente per ragioni formali.

Seduta stante è stata eletta anche la vicepresidente del Consiglio della minoranza, Elena Barnabà, la quale ha ottenuto 15 voti favorevoli contro i 7 avuti dallo sfidante Valmer Cusma. ˜È stato proprio Cusma, d’altronde, nella sua qualità di consigliere col massimo numero di voti conseguiti alle elezioni del 5 maggio, a presiedere la seduta in attesa della riconferma di Gianclaudio Pellizzer. Da rilevare infine che la riunione è stata convocata e aperta dalla vicepresidente della Regione istriana, Giuseppina Rajko.

Facebook Commenti