Una conchiglia sul mosaico in via della Ruota

Nell’ambito delle Iniziative civili di Fiume Capitale europea della Cultura, presentato al pubblico il risultato del laboratorio guidato da Matko Kezele, in cui sono stati utilizzati pezzi di scarto di ceramica

È stato inaugurato ieri in via della Ruota, sui muri del passaggio verso l’Erste bank – nell’ambito delle Iniziative civili di Fiume Capitale europea della Cultura – “Mozaik Kružnoj”, il mosaico dedicato a questa via. Il lavoro è stato realizzato nell’ambito di un laboratorio, nel corso del quale gli allievi hanno appreso nozioni su questa tecnica artistica per poi applicarla nella creazione del mosaico. Nella sua realizzazione sono stati utilizzati pezzi di scarto di piastrelle in ceramica reperiti in alcune delle tante discariche abusive a Fiume e nel suo circondario. In questo modo si desidera volgere l’attenzione sul comportamento irresponsabile e sulla devastazione dell’ambiente, nonché sottolineare che i rifiuti possono a volte essere una risorsa e se non lo sono devono essere smaltiti in maniera adeguata.
Ai numerosi presenti si sono rivolte le organizzatrici del laboratorio, Nika Krajnović e Tihana Naglić, nonché il gestore del laboratorio Matko Kezele e la direttrice dei programmi partecipativi di Fiume CEC, Marija Katalinić. Quest’ultima ha spiegato che l’obiettivo del progetto è stato quello di motivare i cittadini ad attivarsi nell’abbellimento della loro città. Nika Krajnović ha detto di aver ideato il progetto assieme a Tihana Naglić con il proposito di rendere più accoglienti parti della città, che di solito sono trascurate e vengono vandalizzate. “Vi abbiamo incluso anche l’aspetto ecologico utilizzando materiale di scarto”, ha rilevato Nika Krajnović, aggiungendo che il mosaico rappresenta la conchiglia Nautilus, un fossile vivente che ha sopravvissuto già cinque estinzioni di massa. Tihana Naglić ha voluto ringraziare tutti coloro che hanno contribuito alla realizzazione del mosaico e i volontari che lo hanno creato.
Il laboratorio è stato gestito da Marko Kezele, il quale ha spiegato che per poter applicare sul muro i pezzetti di ceramica che compongono il mosaico è stato necessario prima di tutto rendere più ruvida la superficie liscia del marmo che ricopre il manto esterno della sede della Erste bank. Il mosaico è stato realizzato in studio, dopodiché i pezzi sono stati applicati sulla parete, sezione per sezione. Un lavoro meticoloso, che renderà più vivo e più piacevole il passaggio in via della Ruota.

Le organizzatrici del laboratorio, Nika Krajnović e Tihana Naglić davanti al mosaico

Facebook Commenti