Non solo cultura ma anche cura dei volatili. Posizionate in città 30 casette per uccelli

La casetta per uccelli collocata sull'albero in Scoglietto. Foto: Virna Baraba
L’albero “ospitante” la casetta nelle vicinanze della SE Nikola Tesla

Saranno complessivamente 30 le casette per uccelli che verranno collocate prossimamente a Fiume nel quadro del progetto Parco tematico Ginko, rientrante nell’ambito di Fiume Capitale europea della cultura. Ideatrice e responsabile del progetto è l’architetta Dragica Vukelić mentre a realizzare le casette per i volatili è stato l’architetto nonché falegname Ivan Juretić. Il progetto viene attuato in collaborazione con l’ornitologo Goran Sušić (noto per aver dedicato gran parte della sua vita agli avvoltoi dalla testa bianca, divenuti il simbolo dell’isola di Cherso) e gli alunni della Scuola elementare “Nikola Tesla”. Due casette sono state collocate nei pressi dell’istituto scolastico. A numerarle sono stati i ragazzi delle terze classi della “Nikola Tesla”. “È molto importante avvicinare i bambini al mondo dei volatili. Perciò una sessantina di allievi della Scuola elementare “Nikola Tesla” saranno coinvolti in questo progetto. Avranno il compito di prendersi cura, diciamo così, delle casette e di seguire l’evolversi della situazione, ovvero se gli uccellini le sceglieranno quale loro dimora”, ha spiegato Dragica Vukelić. “Nel nostro territorio gli uccelli più a rischio sono i passeri, nonostante siano i più numerosi. Ciò in quanto aumentano le altre popolazioni di uccelli, come ad esempio quella dei gabbiani che attaccano i passeri. Ed è qui che entriamo in gioco noi esseri umani: possiamo e dobbiamo produrre meno rifiuti, o meglio provvedere a chiudere meglio i sacchetti per le immondizie”, ha precisato la Vukelić.

Facebook Commenti