Irena Kregar Šegota: «I concerti si terranno probabilmente online»

Irena Kregar Šegota Foto: FOTO DALIBORA BIJELIĆ

La crescita esponenziale dei casi di contagio da coronavirus nella Regione litoraneo-montana nelle ultime settimane ha costretto l’Unità di protezione civile a introdurre nuove restrizioni antipandemiche a livello regionale, anche se il settore della cultura è per ora in gran parte risparmiato da chiusure e cancellazioni di eventi. Il programma di chiusura del progetto Fiume CEC prevede una cinquantina di appuntamenti tra mostre, spettacoli e concerti. Considerato il peggioramento della situazione epidemiologica in Regione, abbiamo voluto sapere dalla direttrice della società Rijeka 2020, Irena Kregar Šegota, se il programma subirà comunque qualche modifica. “Tutti i programmi previsti si svolgeranno secondo i piani, ovviamente nel pieno rispetto delle misure antipandemiche, ma dovremo purtroppo trovare una soluzione per i concerti. Infatti, l’esibizione di Neno Belan e dei Fiumens, come pure quella del gruppo ‘Grč’, dovrà essere ripensata e probabilmente verranno realizzati online, per evitare assembramenti. Purtroppo, la situazione in cui ci troviamo non ci dà molta scelta”, ha concluso la direttrice.

Facebook Commenti