Inaugurazione di Fiume CEC 2020: 38 programmi approvati

L’apertura ufficiale dei programmi legati al titolo di Capitale europea della Cultura è fissata per il 1˚ febbraio 2020 e la Città ha pubblicato un bando nel quale venivano invitati individui, associazioni, enti e organizzazioni a presentare le loro idee e ad accompagnare con i propri progetti i festeggiamenti ufficiali. Delle 52 proposte pervenute, sono stati approvati ben 38 programmi che andranno ad arricchire quelli già esistenti. In questi giorni è prevista la firma dei contratti che stabiliranno con chiarezza gli impegni presi e le modalità di realizzazione.
Per quanto riguarda, invece, gli esecutori di tali programmi, si tratta principalmente di associazioni, ma anche imprese private, organizzazioni artistiche ed enti culturali. Questo bando è stato una sorta di cartina al tornasole per avere un’idea chiara dell’interesse che vige in città per tutto ciò che è legato al titolo di CEC e i risultati sono più che soddisfacenti. Un altro dato che ha allietato gli organizzatori è la qualità dei programmi previsti sia nelle ore diurne che in quelle serali e che verranno sicuramente apprezzati dai cittadini di tutte le fasce d’età.
Il 1˚ febbraio 2020 alle ore 19.30 scatterà il segnale che darà inizio al programma ufficiale, ma il clima di festa, assicurano gli organizzatori, si potrà respirare dal buon mattino. Tutta la giornata si svolgerà all’insegna di concerti, balli, performance, installazioni audio e video, mostre, spettacoli ed altri eventi che avranno luogo sia all’aperto che in bar, club o altri vani del centro.
Anche se si parla del titolo Fiume CEC 2020 da molti anni, il numero di progetti candidati è stato una sorpresa per tutti coloro che lavorano assiduamente per preparare gli eventi dell’anno prossimo. Per questo motivo hanno voluto ringraziare tutti gli artisti per la loro prontezza e la motivazione dimostrata nella stesura delle loro idee.
Visto l’interesse dimostrato, la Città ha deciso di aumentare i fondi a disposizione per i programmi legati all’apertura, ma molte associazioni non otterranno le cifre richieste e in questo caso la realizzazione dei progetti dipende esclusivamente da coloro che li hanno proposti.

Facebook Commenti