Buon compleanno, Bruno Tardivelli

L'anno scorso, nonostante l'età avanzata, è sopravvissuto al Covid. Pur avendo passato giorni terribili, è riuscito a sconfiggere il virus.

Bruno Tardivelli dopo aver sconfitto il Covid

Il 26 agosto Bruno Tardivelli ha compiuto 98 anni. Nato nella Fiume sospesa tra i due conflitti mondiali, ci ha vissuto fino all’età di 26 anni. Tra il 1940 e il 1948, fece anche l’attore. Nel 1943, con un gruppo di coetanei, costituì il Gruppo Filodrammatico Fiumano. Lasciò Fiume, da esule, nel 1946. L’anno scorso, nonostante l’età avanzata, è sopravvissuto al Covid dopo mesi di cure. Sempre nel 2020 è entrato a far parte dell’albo d’oro dei Fiumani Illustri. Bruno può essere soddisfatto dei risultati raggiunti, e noi gli auguriamo che possa brindare a quelli futuri.

 

Mi son nato qua

Si, mi son nato qua, el 26 Agosto 1923, drio quela finestrela aperta.

Là xe una sofita calda de estate e freda de inverno, la se trovava in Salita dell’Aquila. Me par che ogi la se ciama Fuckovo, e non so cossa vol dir… fato sta che quela caseta la xe andada “fuc”. Difati là ogi la caseta non la xe più e sta foto la go fata tanti anni fa: era l’estate del 1959, quando semo tornadi a Fiume, mi e mia moglie per la prima volta dopo che erimo partidi 10 anni prima.

Alora, come tante altre volte, son andà a zercar quel che gavevo lassà e go fato sta foto da la via che sta de sopra e che se ciamava Flavio Gioia; in quel punto la strada la fa una curva de 90° e la gira in su per andar verso quel che una volta era, al tempo dell’Italia, l’Istituto Nautico.

Ogni volta che venivo a Fiume andavo a vederme la mia caseta e una volta, dopo qualche anno che non venivo al suo posto go trovà un casermon, son rimasto mal, me son girà e da quele parti non son tornado più. Meno mal che la mia caseta la gavevo fotografà e ogni tanto me la guardo.

Là, la mia mama Giustina Morsi con la sua sorela Francesca, venude da l’Istria per lavorar, le abitava da una zia de lore che la se ciamava Anna Morsi. El mio papà el se ciamava Tardivelli Tullio, el era impiegato de le “Ferrovie Fiumane”. Lui el ga conossù la mia mama che i gaveva poco più de 22 anni nel Teatro Fenice. Lori i sentava in galeria, uno vizin l’altra per veder l’opera “La Boheme” e cusì, complice la romanza: “Che gelida manina – se la lasci riscaldar…..” el Tullio ga tocà la manina de la Giustina e i se ga inamorà.

Mama e Papà da morosi i xe andà avanti un par de anni ma el brodo diventava tropo lungo… Una canzon fiumana del tempo (ma anca de ogi) la diseva: “La paga la xe picola, Sposarse non se pol, lassar la morosa sola per mi xe un gran dolor!” Cusì la zia Ana, stufa de vederli remenarse e sospirar, la ghe ga deto: “Basta de sto tira-mola, sposeve e vegnì qua”.

Mama e papà i se ga sposà nel duomo dell’Assunta in Citavecia; alora tuti i matrimoni de Fiume se celebrava là dove era parroco el Kuharić, un prete croato che ghe voleva scriver el nome de mio papà Trdivelić Tulijo’ e de la mia mama Morsić Justina.

El mio papà se ga asai rabià con sto prete batendoghe i pugni sul pulto (scrittoio). I pensava de andar sposarse a Trieste ma ocoreva tropi soldi e la mia mama povereta la pianzeva. El Kuharić ga ciapà paura e per farla breve li ga acontentà e ghe ga messo i nomi giusti come lori due voleva.

Cussì la Francesca che dormiva con la mia mama xe andà dormir in cusina sul canapè, la zia Ana xe rimasta ne la camareta che apena ghe stava drento el leto e i sposi xe andà ne la camara che poi non la era grande e la gaveva el plafon storto in zo, i doveva star atenti a non bater la testa quando i se alzava dal leto; e là son nato mi.

Il brano è tratto dal libro “Ok Capo, via libera. Fiume 1939-1949” ed è stato ristampato l’anno scorso.

Facebook Commenti