A Napoli ci sarà Largo degli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia

Grazie agli sforzi del delegato dell’ANVGD Diego Lazzarich, di origini fiumane

0
A Napoli ci sarà Largo degli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia
Il sindaco di Napoli Gaetano Manfredi con Diego Lazzarich. Foto: ANVGD

Da una comunicazione a firma di Diego Lazzarich, delegato provinciale di Napoli dell’Associazione Nazionale Venezia Giulia e Dalmazia di origini fiumane, pubblicata sul sito dell’ANVGD, si apprende che la Commissione per la toponomastica del Comune di Napoli ha accettato ieri la sua proposta di intitolare uno spazio pubblico in ricordo delle drammatiche vicende del confine orientale nel secondo dopoguerra.

“Con immensa soddisfazione annunciamo che la Commissione per la toponomastica del Comune di Napoli ha oggi accettato la mia proposta, come referente per Napoli dell’ANVGD, di intitolare uno spazio pubblico in ricordo delle drammatiche vicende del confine orientale nel secondo dopoguerra. Presto, l’area antistante Porta Miano sarà intitolata ‘Largo degli esuli di Istria, Fiume e Dalmazia’, in memoria delle centinaia di esuli che ogni giorno per anni varcarono quella porta per entrare e uscire dal Centro raccolta profughi del Bosco di Capodimonte. Abbiamo impiegato molti anni per ottenere questo risultato, ma alla fine ce l’abbiamo fatta. Grazie a tutti coloro che ci hanno aiutato e un grazie speciale anche al sindaco Gaetano Manfredi per il suo convinto appoggio” – ha scritto nel suo comunicato il Dott. Lazzarich, professore associato presso l’Università degli Studi della Campania “Luigi Vanvitelli” e docente presso l’Università degli Studi di Napoli “L’Orientale”, particolarmente attivo nel processo di tutela della memoria dell’esodo giuliano-dalmata e di recupero di una parte dimenticata della storia di Napoli. La proposta di intitolare uno spazio pubblico agli esuli e all’esodo risale al febbraio scorso, quando Lazzarich aveva avuto un primo incontro con il sindaco di Napoli in vista della ricorrenza del Giorno del ricordo e per chiedergli l’individuazione di una sede per l’Associazione che rappresenta.
A onor di cronaca ricorderemo che a Napoli, prima città italiana liberata dagli Alleati, si costituì già nell’autunno del 1943 il primo Comitato giuliano italiano per l’assistenza dei profughi fiumani, istriani e dalmati. Diego Lazzarich è nato nel 1972. Oltre ad essere studioso e docente universitario, è pure fondatore e direttore editoriale della rivista scientifica “Politics. Rivista di Studi Politici”. Autore di numerosi saggi, articoli, curatele, nonché di tre monografie, è stato assegnatario di varie borse di studio per la ricerca e l’insegnamento. Il padre e la famiglia di suo padre lasciano Fiume nel 1947. Suo nonno era a Fiume un noto pasticcere che con l’esodo perse tutto. Preparavano dolci tipici fiumani e qualche pasticcino austroungarico. La pasticceria era situata vicino al Duomo, in Cittavecchia. Nel 1946 suo nonno fu arrestato. Gli fu offerta la possibilità dalla Jugoslavia socialista di lavorare nella propria pasticceria come dipendente ma lui rifiutò e l’anno seguente l’industria fu nazionalizzata. Per un anno e mezzo stette in un campo di detenzione ai confini con l’Ungheria. Poi fu liberato e, assieme al padre di Diego, Proteo, finì nel campo profughi del Bosco di Capodimonte a Napoli. La famiglia visse per qualche anno in una baracca. Suo nonno, a circa 75 anni, insieme a sua nonna, riaprì da zero una nuova pasticceria a Napoli con tanto di laboratorio dolciario. Oggi a Napoli c’è ancora una pasticceria che si chiama “La Fiumana”, però è stata ceduta a un imprenditore napoletano.

Tutti i diritti riservati. La riproduzione, anche parziale, è possibile soltanto dietro autorizzazione dell’editore.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display