Basta che jozi

Foto: Željko Jerneić

Una joza che de sicuro non farà andar oltre l’orlo l’acqua del bicier, ma una joza che pol dar almeno un bic’ de umidità a una boca suta come el deserto. I pochi che ancora xe rimasti in tel 3 magio i ga ciapà (o i sta ciapando in ‘sti giorni) la diferenza dela paga per otobre e novembre. Se trata de circa 2 o 3mila kune, ma se se pensa che de Natal in qua noi ga ciapà un bel, alora anche questa joza, per quanto picia, la vol dir molto. E se spera che, joza per joza…
I poco più de otocento ‘’trećemajci’’ che ancora i va lavorar ogni giorno i xe sempre più deboli, ma la voja de sopraviver xe molto più grande. Per questo certi dixe che ‘’eco, dinovo semo in braghe de tela, ma quasi quasi poderiimo dir che questa situazion ga fato venir fori el ben che xe in ognidun’’. Difati, in questi lunghi, lunghi mesi, con poco o quasi niente de far, i xe diventadi uno el psicologo del altro. I se ga contà vita, morte e miracoli, i se ga lagnà dei problemi che i ga, de come noi sa come far per poderghe comprar un paio de scarpe al fio, adesso che el police del piede ghe xe venù fora dela punta dele scarpe de ginastica, dele medicine per la fia che le costa un ocio dela testa, fino a cossa meterghe in piato ai fioi domani o qual che xe el savon più bon prezo per poderse lavar.
In tuto ‘sto caligo e disperazion, però, i ga scoperto che ognidun de lori xe una specie de cura per l’altro: chi ga fioi più grandi ghe porta de vestir a quei che li ga più pici; un altro invece ga la cognata farmacista e ela, de scarsela propria, la paga la medicina anche se la sa che el conto ghe sarà saldado chisà quando; qualchedun altro che ga un bic’ de più ciama el colega a pranzo sabato e domenica, co’ la mensa non lavora. A proposito de mensa, i xe in molti a pensar che a Obersnel e Komadina ghe se dovessi far un monumento, perché i ga dado el buono soto Natal e i libri de scola per i fioi, i ga fato in modo che ogni ‘’trećemajac’’ gabi el pasto caldo ogni giorno. Per molti, xe l’unico, non solo caldo, ma pasto in general.
In ‘sti giorni qualche soldin sta arivando. E qualche roba a Cantrida se sta facendo, se salda tubi per la Vulkan, se pronta tuto per far una sovrastrutura per un comitente de fori, el novo/vecio diretor cerca de ingrumar quanti più lavori de far per poter scampar del falimento.
De solito, i ‘’rancagnadori’’ non xe tropo entusiasti dei diretori. Questi qua no, anzi, i ghe vol proprio ben. Perché el se ga guadagnado la pension in 3 magio; el ga lavorà come un mus co el era diretor la prima volta, prima che el Percan lo scazi (quel steso Percan che xe finì in galera!) e che el Rossanda lo umilii con un lavor de chebe in Uljanik. Dopo, già in pension, co’ i sindacati e i ‘’trećemajci’’ lo ga pregado de tornar per cercar de salvar el salvabile, el ga deciso de provar. Come dixe quei del squero fiuman: ‘’una volta trećemajac, sempre trećemajac’’ e non se pol che giuntar ‘’al cor non ghe se comanda’’. E de cor, anche se col pacemaker, el ghe ne ga de vender. El lavora come un matto, fino sera tardi, sempre a cercar comitenti che ghe podessi dar qualche cossa de far. Per questo, in qualunque modo la storia vadi a finir, per tuto questo suo voler salvar la gente, la ‘’sua’’ gente che lavora, i ‘’trećemajci’’ vol proporghe a Obersnel de darghe el Premio Cità de Fiume. Chisà se el sindaco sarà dacordo.

Facebook Commenti