San Vito: Diego Zandel e l’indiscutibile attitudine alla convivenza

Serata dedicata allo scrittore, saggista e giornalista figlio di esuli fiumani, evento organizzato da Ervin Dubrović, direttore del Museo civico, col patrocinio della CI di Fiume

Foto Goran Žiković

Un uomo e uno scrittore che non nutre pregiudizi, che accomuna con la stessa simpatia italiani, croati e altri popoli. Condanna razzisti e nazionalisti d’ogni risma, tanto che nella sua creazione letteraria predomina sempre lo stesso spirito della convivenza. Sono queste alcune delle posizioni emerse alla presentazione letteraria di giovedì alla libreria antiquaria Ex Libris di Fiume, sull’intera opera letteraria dello scrittore esule fiumano Diego Zandel. L’appuntamento, organizzato da Ervin Dubrović, direttore del Museo Civico, con il patrocinio della Comunità degli Italiani locale, ha visto gli interventi, oltre che dello stesso Dubrović e di Melita Sciucca, presidente della CI, del poeta e scrittore Giacomo Scotti e di Damir Grubiša, già Ambasciatore della Repubblica di Croazia a Roma.

L’articolo completo nell’edizione di sabato della Voce

Facebook Commenti