Paulina Jazvić e i suoi cani protagonisti al MUO

Il Museo dell’Arte e dell’Artigianato ospita fino al 24 gennaio 2021 l’installazione della pittrice accademica Paulina Jazvić “Top dog/underdog”, realizzata nell’ambito del ciclo “Suvremeni umjetnici u Stalnom postavu MUO” (Gli artisti contemporanei nell’allestimento permanente del MUO) il cui fine è di promuovere un confronto tra l’attuale collezione permanente e l’espressione artistica contemporanea. L’esposizione dedicata a Paulina Jazvić, pianificata inizialmente in diverse sale espositive del MUO, in seguito all’attuale situazione (i danneggiamenti verificatisi dopo il terremoto) è stata ridotta a una sola installazione, cocollocata entro a una cornice incrinata del Museo. Purtroppo della collezione permanente oggi è visibile solamente la scalinata, danneggiata e bloccata. Per l’artista, questo vicolo cieco che richiama all’ascesa, attualmente non porta a nulla, ma rappresenta pur sempre il punto di partenza per un collegamento con l’installazione ambientale.
La tematica comune che caratterizza l’intero opus di Paulina Jazvić è l’esprimere diversi aspetti della fragilità psicologica del “materiale umano”, che si accumula nelle esperienze traumatiche individuali e nello sviluppo sociale dei singoli gruppi.

Facebook Commenti