Partito il Festival Teatrale Invernale

BUIE | È partita in Istria la 4ª edizione del Festival Teatrale Invernale, organizzato dal Teatro popolare istriano – Teatro cittadino di Pola con il sostegno della Regione istriana. Dopo Buie, la manifestazione si fermerà ad Albona, Rovigno e Pisino. “La pattuglia americana nel parco della marina” è il titolo della commedia andata in scena martedì sera negli ambienti dell’Università Popolare Aperta, e che ha visto protagonisti numerosi attori quali Mia Krajcar, Elena Brumini, Dijana Vidušin, Iva Kevra, Lara Živolić, Luka Mihovilović, Manuel Kaučić e Vesna Petrović. I costumi sono stati curati da Valentina Ferlin sotto il mentoring di Desanka Janković. Le luci sono firmate da Elvis Butković, mentre la selezione delle musiche e l’accompagnamento sono di Tatiana Giorgi con Miodrag Flego, autore del disegno del suono. Collaboratrice al progetto scenico, Andrea Gotovina, scenografo esecutivo Goran Šaponja, mentre l’organizzatore e direttore di scena è Manuel Kaučić.

La regia e scenografia portano la firma di Jasminko Balenović, il quale ha detto in riferimento allo spettacolo: “Perché oggi non si può fare quello che si faceva un tempo? Perché allora non si poteva fare quello che si può oggi? Questo lavoro parla di un’epoca lontana alla quale ci si accosta normalmente con senso poco critico e una buona dose di sentimentalismo e reminiscenze di ‘dolce vita’, sempre nel dubbio di chi abbia lasciato traccia più profonda nel ‘patrimonio intangibile’ di questa città. Mentre lavoriamo per preparare la rappresentazione, l’orizzonte della nostra società è cupo e pessimistico, disorientato, avvolto in comportamenti e azioni che richiamano quegli anni ‘belli’ e ‘innocenti’, fuggendo ad essi per essere migliori, più perfetti, quasi ideali. La lotta per la perfezione, oggi, è più esteriore, consumistica. Il consumismo in queste aree ha cominciato a prendere piede già agli inizi degli anni ‘60. I confini invitavano a oltrepassarli. Era meglio prima oppure è meglio oggi? Collettivismo e ‘comunanza’ contrapposti a individualismo – dramma e commedia, lacrime e risate. Per affrontare questi dilemmi, i mezzi migliori sono la nostalgia e l’esperienza personale. La pattuglia americana nel parco della marina è una commedia nera che, attraverso un evento particolare, in una data località, in un dato tempo parla dei piccoli universi in cui viviamo, ognuno con le sue aspirazioni, difetti e virtù, emozioni e gesti con i quali aneliamo alla perfezione che, naturalmente, non sarà mai raggiunta, ma è questo il nostro viaggio”.

Facebook Commenti