Orhan Pamuk e Claudio Magris Ritorno a Pola

Svelati i nomi degli autori che parteciperanno alla 25.esima Fiera del libro, che si terrà a dicembre

POLA – La Città e le sue storie, le città di tutto il mondo, un mondo che scorre… Questo il filo conduttore per la prossima rassegna del libro “Sa(n)jam knjige”, quest’anno alla sua 25.esima edizione. Una bella età per una tradizione da ripristinare durante 11 giornate di celebrazione della lettura/letteratura, precisamente dal 5 al 15 di dicembre.
Lo slogan “Città in evoluzione” aprirà le porte a un dibattito da estendere in merito ai cambiamenti, che repentinamente mutano (bene o male) il volto degli ambienti urbani. Annunciano gli organizzatori che si parlerà di tutte le città del pianeta, per intessere una storia delle città, dei loro trascorsi, della loro vivibilità quotidiana e del loro futuro. Oltre 300 scrittori nazionali e stranieri, editori, studiosi di storia, intellettuali e artisti parteciperanno a questa riflessione collettiva per affrontare il fenomeno della città, dell’immaginario collettivo, dell’identità urbana e dei processi di transizione. Tavole rotonde, incontri, caffè con gli autori e mostre, però, collocheranno al centro dell’attenzione Pola e la sua complessità storico-culturologica.

Orhan Pamuk Foto: Armin Durgut/PIXSELL

Grandi nomi della letteratura mondiale
La rassegna potrà fregiarsi della presenza di grandi nomi della letteratura mondiale, primo fra tutti lo scrittore turco Orhan Pamuk, premio Nobel per la letteratura (2006) che torna a Pola e alla rassegna, dopo la visita compiuta 15 anni fa. Singolare interprete degli umori della realtà urbana, stavolta presenterà l’edizione croata (Vuković&Runjić) del suo libro fotografico “Istanbul: i ricordi e la città”. Atteso anche un incontro di turcologi e traduttori delle sue opere (americani, tedeschi, bosniaci, croati e cechi).

Claudio Magris

Dall’Italia, vale a dire da Trieste, città delle metamorfosi, arriverà Claudio Magris, scrittore, critico, traduttore, profondo conoscitore della storia e della cultura mitteleuropea e di queste terre di confine. Sempre dall’Italia sbarcherà pure Franco Bifo Berardi, noto saggista, filosofo teorico del marxismo e agitatore culturale. Quindi, nell’ambito del programma “Giardino slavo”, in collaborazione con il Foro delle culture slave, si faranno accomodare in sede noti autori russi: Guzel Yakhinu (premi per i best sellers), Sergej Lebedev (gratificato ricercatore) e Jevgenij Vodolazkin (considerato da tanti il migliore scrittore russo contemporaneo). Atteso dalla Finlandia il più significativo scrittore rom, Veijo Baltazar, e dall’Ukraina lo scrittore, saggista e traduttore Jurij Andruhovyč. Ancora, tra gli ospiti protagonisti Latinka Perović (figura intellettuale dell’ex Jugoslavia), Jenny Erpenbeck (dalla Germania), Maja Haderlap (slovena-austriaca, premio del Forum culturale austriaco), Jeannette Fischer (scrittrice psicanalista), Ana Bilankov (artista croata residente a Berlino), Svein Monnersland (studioso di slavistica a Oslo, autore di “Istria e Quarnero visti dagli stranieri”).

Numerosi gli autori nostrani
Autori nostrani e vicini di casa: Josip Mlakić, Boris Dežulović, Jurica Pavičić, Igor Štiks, Vlaho Bogišić, Milovan Tatarin, Boris Rašeta, Hrvoje Klasić, Almin Kaplan, Vesna Marić, Kristina Gavran, Namik Kabil e Jelena Todorović.
Quindi da Pola: Miroslav Bertoša, Andrea Matošević, Amir Alagić, Boris Domagoj Biletić e Igor Zirojević.
Oltre ai classici appuntamenti, l’edizione giubilare della Rassegna allestirà un salotto speciale dedicato all’arte del verso “Poesia è: questione di cuore” con ospiti Monika Herceg, Anja Golob, Martina Vidaić a Dorta Jagić. Prevista la partecipazione di numerosi musicisti e cantanti, l’anticipo della tematica dedicata alla città con la mostra “Città in evoluzione”, che verrà inaugurata al Museo storico e navale già in novembre, l’ora zero riservata all’incontro dei bibliotecari, programmi per ragazzi (Librić na sajmu) e adolescenti.
Pronti a sbaraccare anche gli editori – tra cui pure la nostra Casa editrice EDIT di Fiume – che saranno oltre 250, con 20mila titoli, offerti a sconti che andranno dal 10 al 70 per cento.

Facebook Commenti