Melodie dell’Istria e del Quarnero: trionfa Tedi Grubica

Quest'anno il tradizionale Festival ha dovuto rinunciare ai viaggi e si è articolato in due serate a Fiume

Tedi Grubica è il vincitore della rassegna. Foto Ivor Hreljanović

È Tedi Grubica il vincitore della 56.esima edizione del Festival Melodie dell’Istria e del Quarnero che quest’anno, a causa della pandemia, è dovuto essere ridimensionato e ha dovuto rinunciare al suo carattere itinerante, per cui si è articolato in due serate tenutesi a Fiume, in Piazza della Risoluzione fiumana. Il giovane cantante è stato insignito del primo premio per il migliore debuttante, conferito dal Pomorski radio Radio Bakar, e del primo premio del pubblico per il suo brano “Fala ti ča si”.
Nonostante la situazione particolare nella quale si è tenuta la manifestazione, la serata competitiva si è svolta in un’atmosfera gioiosa, che è uno dei tratti distintivi del MIQ, nell’affascinante ambiente di una delle più belle piazze cittadine.
Fin dalle prime note dei titoli di testa del Festival, il pubblico a Fiume e quello che seguiva la kermesse in diretta sul secondo programma della Radiotelevisione croata (HRT2) si è trovato a suo agio, soprattutto dopo gli interventi introduttivi del tradizionale duo di presentatori Robert Ferlin e Mario Lipovšek Battifiaca, ai quali si è unita la presentatrice dell’HRT, Uršula Tolj, fiumana di nascita. A salutare i presenti è stato anche il sindaco Vojko Obersnel, il quale si è detto dispiaciuto per il fatto che quest’anno il MIQ non abbia potuto viaggiare, ma al contempo compiaciuto del fatto che Fiume abbia ospitato l’unica serata festivaliera della rassegna, essendo il capoluogo quarnerino il porto di partenza del Festival.

Le quattro soprano

19 brani in gara
Ha fatto seguito una serie di 19 nuovi brani che anche questa volta hanno proposto una varietà di generi musicali, di volti nuovi, ma anche nomi noti. Al termine dell’ultimo brano, il pubblico ha potuto votare due canzoni preferite. Durante la conta dei voti, a intrattenere i presenti sono stati la klapa Tić, Suzana Štefanić, Erik Balija, Lado Bartoniček, Nina Kraljić e Joso Butorac, tutti applauditissimi.
Il premio per il migliore arrangiamento, conferito da Radio Istra, è stato assegnato a Mauro Giorgi per il brano “Ne pasiva ovo vrime nego mi”, eseguito da Erik Balija; il premio Nello Milotti di Radio Pola, che viene conferito alla canzone che fonde in misura ottimale le armonie tradizionali istriane e quelle del litorale con la musica leggera, quest’anno non è stato assegnato; del premio “Microfono d’oro” per la migliore interpretazione, conferito da Radio Fiume, è stata insignita Nina Kraljić per la canzone “Kap po kap”.

La canzone di Francesco Squarcia con cui ha partecipato al MIQ 2020

Tra i premiati il gruppo Father
Il premio Beseda, che va tradizionalmente al brano che con la sua espressione generale promuove nel migliore dei modi la regione quarnerina e la sua tradizione, è stato conferito alla canzone “Tramuntana”, scritta da Franjo Jardas (ex studente della Scuola media superiore italiana di Fiume) ed eseguita dal gruppo Father; il premio del Sabor ciacavo per il migliore testo è stato consegnato a Vjeko Alilović per “Kap po kap”, eseguito da Nina Kraljić. “Kap po kap”, musicato e arrangiato da Saša Markovski, è stato insignito anche del terzo premio della giuria, mentre il secondo premio della giuria è stato assegnato a “Ne pasiva ovo vrime nego mi”, eseguito da Erik Balija. Il primo premio della giuria è andato al brano “Tu ostani”, scritto ed eseguito da Daniel Moscarda. Il terzo premio di pubblico è stato conferito al brano “Dajen ti besedu” di Robert Grubišić e Robert Pilepić, eseguito da Martina Majerle e dalla klapa Tić; il secondo premio di pubblico è stato conquistato da “Inkantan”, di Robert Grubišić, Zlatan Marunić e Ivan Nino Načinović, eseguito da Joso Butorac e dalla klapa Tić, mentre il primo premio, come detto sopra, è stato assegnato a Tedi Grubica per il brano “Fala ti ča si blizu“, di Goran Šarac, Robert Pilepić e Aleksandar Valenčić.

Il numeroso pubblico

Alla serata di ieri, che non era di carattere competitivo, hanno preso parte, sempre in Piazza della Risoluzione fiumana, Antonio Krištofić, VIM e Atlantis, Joso Butorac, Vesna Nežić Ružić, Sergio Pavat, Duško Jeličić, Nino Načinović, la klapa femminile Hreljin, la klapa Tić, Tamara Brusić, Francesco Squarcia, Gianluca Draguzet, Martina Majerle, Duo Battifiaca, Alen Vitasović, Jozefina Jurišić, Đani Maršan, la klapa femminile Luka e Mario Lipovšek Battifiaca.

Facebook Commenti