L’Orchestra di fiati omaggia Morricone

All’evento della locale CAN proiettata pure la pellicola «C’era una volta il West»

L’Orchestra di fiati isolana

Un assaggio di alcune celebri colonne sonore e la proiezione di una tra le pellicole cult della cinematografia mondiale quale “C’era una volta il West” sono stati gli ingredienti pensati per omaggiare Ennio Morricone, compositore italiano scomparso lo scorso luglio. La Casa della cultura di Isola ha ospitato la manifestazione promossa dalla CAN di Isola in collaborazione con il Centro comunale per la cultura, lo sport e le manifestazioni e il Consolato Generale d’Italia a Capodistria, nonché con il patrocinio del Comune di Isola, della CAN costiera e del Ministero della Cultura. Svoltosi in conformità con le raccomandazioni anti contagio dell’Istituto nazionale della salute pubblica, la sala ha potuto accogliere soltanto una sessantina di ospiti, tra i quali ha presenziato pure il Console Generale d’Italia a Capodistria, Giuseppe D’Agosto. A portare la musica sul palco è stata l’Orchestra di fiati di Isola, che ha visto il suo direttore Mirko Orlač accogliere con entusiasmo l’invito, anticipando che per dicembre è previsto un concerto più ampio dedicato alle colonne sonore di Morricone. Per accontentare un pubblico quanto più vasto, l’esecuzione sarà trasmessa in live streaming per essere seguita liberamente attraverso la rete internet. L’Orchestra ha una lunga tradizione alle spalle e rappresenta un fiore all’occhiello per la cittadina isolana. Fondata nel maggio del 1875 prende vita grazie a Niccolò e Domenico Benvenuti e contava 30 membri, per lo più dilettanti amatori e autodidatti seguiti dal primo direttore Luigi Boccia. Dal 1879 prende il nome di “Banda musicale Isolana” e nel 1895 è Giuseppe Giraldi a prendere in mano la bacchetta. In seguito alla morte di Giuseppe Verdi avvenuta nel 1901, l’Orchestra venne denominata “Banda Giuseppe Verdi”. Nel 1904 Vigilio Gottardi diventa il nuovo direttore rimasto in carica per ben 46 anni, fino alla sua morte nel 1950. Dopo un susseguirsi di dirigenti, che hanno contribuito a mantenere alto il nome del complesso musicale, nel 2007 la direzione passa all’attuale direttore, Mirko Orlač. Il gruppo, che oggi conta una quarantina di membri, ha riscosso molto successo e raccolto molti premi a concorsi nazionali e internazionali. Per omaggiare il compositore italiano di fama internazionale, hanno eseguito alcuni brani tratti dalle sue colonne sonore, lasciando spazio anche ai solisti quali i giovani Filip Kravanja Veljak alla tromba, strumento immancabile nelle musiche di Morricone e Aljoša Kitić al clarinetto. A seguire il concerto è stata la proiezione della pellicola “C’era una volta il West” (1968) diretta da Sergio Leone, con le musiche firmate da Morricone. Il compositore, che amava suonare la tromba, ha composto brani per più di 500 film, oltre a canzoni di successo e programmi TV. Oltre al massimo riconoscimento alla carriera nel 2007, ottenne soltanto nel 2016 l’Oscar come migliore sottofondo musicale originale per il film di Quentin Tarantino “The Hateful Eight”. In quell’occasione, ringraziando il regista per averlo scelto, aveva dichiarato che “Non c’è una musica importante senza un grande film che la ispiri”.

Per il pubblico rispetto delle distanze

Facebook Commenti