Lo spirito del tempo e dell’area in cui viviamo

Nella galleria Juraj Klović una cinquantina di autori della Società croata degli artisti visivi (HDLU) espone le opere realizzate in questo turbolento 2020

Nella realizzazione delle opere sono state usate tecniche diverse

La sezione fiumana della Società croata degli artisti visivi (HDLU) ha organizzato la 74.esima edizione della mostra annuale dei suoi membri, che rimarrà in visione fino al 22 gennaio dell’anno prossimo nella galleria Juraj Klović, in via Verdi al civico 19b.
Grande varietà di stili e approcci
Anche quest’anno la mostra annuale dell’HDLU segue il sentiero tradizionale tracciato in passato. Purtroppo, a causa del Covid-19, non si sono tenuti la cerimonia d’apertura e gli incontri che la caratterizzavano in passato, ma nonostante le limitazioni, 48 artisti hanno inviato i propri lavori più recenti per sostenere l’esibizione.

Il pluralismo di nomi ed esperienze è presente, come sempre, tra gli artisti già affermati, che rappresentano gran parte dei nomi in lista. Ci sono, però, anche alcuni nomi di artisti emergenti che portano una ventata di freschezza alla rassegna. Il risultato, affermano gli organizzatori, è eterogeneo, con stili contrastanti, tecniche ed espressioni individuali e spesso in contrapposizione. Ogni opera d’arte è un’entità a sé stante e in quanto tale rappresenta l’autore e la sua produzione più recente. Tale opera dovrebbe essere uno spunto per scoprire tutta la produzione dell’artista, dovrebbe destare la curiosità del visitatore.

Quest’anno la selezione è stata effettuata dai membri del Consiglio artistico: Zdravko Milić, Dražen Filipović Pegla e Borislav Božić. La scelta dei lavori da esporre si è basata sull’autonomia dell’identità individuale, sulla tecnica e gli stili espressivi, ma anche la creatività e la qualità. La mostra unisce, dunque, artisti dai concetti e dalle poetiche diversi e anche di generazioni diverse, ma che riescono a rappresentare con successo lo spirito del tempo e dell’area in cui viviamo.
Nomi affermati e meno conosciuti
Alla mostra partecipano Miranda Bačić, Domagoj Barić, Toni Belobrajdić, Borislav Božić, Barbara Cetina, Jelena Cetinja Vukelić, Lea Čeč, Karlo Dragan Došen, Alma Dujmović, Dražen Filipović Pegla, Gea Golović, Silvia Golja, Mirta Grandić, Ana Grubić, Igor Gržetić, Edi Gustin, Želimir Hladnik, Ana Hrćan Šojat, Egon Hreljanović, Dario Jurjević, Dubravka Kanjski, Boris Kačić, Vitomir Kelava, Matko Kezele, Branko Jani Kukurin, Dalibor Laginja, Branko Lenić, Emil Mandarić, Tatjana Masterl, Mirjana Marušić Gorska, Dora Mihaljević, Eda Mihovilić, Miomir Milošević, Ivica Nikolac, Ambroz Oroši, Tea Paškov, Željan Pavić, Tanja Pećanić, Zvonimir Pliskovac, Georgette Yvette Ponté, Luisa Ritoša, Boris Roce, Darija Stipanić, Miljenka Šepić, Alen Šimoković, Aleksandar Tomulić, Lena Ternovec e Istog Duško Žorž.
L’orario di apertura della galleria è dalle 10 alle 13 e dalle 17 alle 20, mentre il sabato dalle 10 alle 13. La domenica la galleria rimane chiusa.

Facebook Commenti