Liburnicon​. Astronomia quiz e giochi a premi

La 16.esima edizione del Festival della fantascienza incontra oggi e domani il pubblico in barba alla colonnina di mercurio

La manifestazione si articolerà in due giornate

Il Festival della fantascienza e della cultura fantasy, il Liburnicon, in questi giorni vede la sua sedicesima edizione consecutiva e anche questa volta presenta un programma estremamente ricco, che punta all’istruzione e al divertimento. A parlare delle difficoltà organizzative e di tutto ciò che è stato preparato per chi si vorrà recare a Villa Antonio di Abbazia oggi e domani nelle ore serali sono stati Nena Brozan Perišić e Frane Babić, due organizzatori nonché volontari del Festival.

Il Festival si terrà nei vani dell’Hubbazia

Ricambio generazionale

“Il Liburnicon è una manifestazione ormai conosciuta e riconosciuta a livello locale – ha esordito Babić – ma tutta la struttura di ciò che i visitatori possono vedere, in realtà si regge esclusivamente sul lavoro di un gruppetto di volontari. Noi rappresentiamo ormai la terza generazione di organizzatori e sono fiero di dirlo perché molte manifestazioni non sono sopravvissute al cambio generazionale, mentre noi abbiamo fatto il passaggio già due volte. Tra i nostri visitatori ci sono persone che hanno partecipato alle prime edizioni e altre che sono entrate nel fantastico mondo della fantascienza proprio grazie al Festival Liburnicon. Sarebbe stato sicuramente molto più ardua l’impresa se a sostenerci non fosse stata la Città di Abbazia per prima e poi anche i numerosi sponsor. Sono molto contento che quest’anno il Liburnicon si terrà nei vani di Villa Antonio, perché è da qui che è partita l’iniziativa sedici anni fa e molte persone hanno dei bei ricordi delle prime edizioni negli spazi di quello che successivamente è diventato il Start-up Hubbazia”.

Nena Brozan Perišić e Frane Babić

Un programma per tutti i gusti

Brozan Perišić ha parlato, invece, del programma di quest’anno e della decisione di dare spazio a temi e approcci molto diversi tra di loro. Tutte le attività sono divise in sei sezioni: laboratori, lezioni, giochi da tavolo, quiz, Larp (gioco di ruolo dal vivo) e programma musicale.

“Quest’anno abbiamo dato molto più spazio ai giochi da tavolo perché abbiamo notato che la pandemia ha portato a una rivalutazione positiva di questo passatempo – ha dichiarato la responsabile del programma -. Non mancano però nemmeno lezioni scientifiche, incontri letterari, temi legati all’astronomia, ma anche approcci molto più superficiali e divertenti a temi come la cinematografia o altro. Ci terrei a sottolineare che avremo la presentazione della trilogia ‘Tra l’aquila e il leone’ di Ana Cerovac, membro della nostra associazione, Snježana Horvatić ci parlerà del centro della nostra Galassia, mentre Damir Medved si soffermerà sulle città intelligenti e l’utilizzo dell’intelligenza artificiale per migliorare la qualità della vita nelle grandi città. Tra le lezioni meno impegnative troviamo quella di Zvonimir Barač sull’umorismo di cattivo gusto e la lezione sulle versioni ‘trash’ del serial Star Wars”.

Brozan Perišić ha aggiunto anche che, grazie ai numerosi sponsor, i quiz e i giochi a premi quest’anno saranno particolarmente ricchi e una parte dei giochi si svolgerà all’aperto, nel parco di fronte alla villa. Il programma di oggi inizierà alle ore 18, mentre quello di sabato alle 17.

Nelle ore serali avrà inizio la parte musicale dell’evento, che vedrà protagonista un DJ per la prima giornata e il concerto della band “Finta de mona” per domani. L’entrata è possibile soltanto con il Green pass, sia per le attività che si svolgeranno nei vani dell’Hubbazia, che per quelle nel parco. Il prezzo del biglietto è di 30 kune per un giorno e 50 kune per entrambe le giornate.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.