«Lezione concerto» di grande spessore

Il pianista Delle Donne sugella l’intesa tra CI, CAN e «Mediadom Pyrhani»

Luca Delle Donne in Casa Tartini

Grande successo per il concerto che ha avviato la collaborazione tra la Comunità degli Italiani “Giuseppe Tartini”, la locale Comunità autogestita della nazionalità italiana e il Centro culturale “Mediadom Pyrhani” di Pirano. L’iniziativa “Mediadom @ Tartini”, trasmessa tramite la piattaforma Zoom e su YouTube in diretta dalla splendida cornice della Sala delle Vedute di Casa Tartini, ha ospitato il pianista triestino Luca Delle Donne con la sua “Lezione concerto”. Classe 1983, formatosi al Conservatorio del capoluogo giuliano che porta il nome del Maestro delle Nazioni tra lodi e menzioni d’onore, la sua carriera lo ha portato successivamente a girare il mondo per varie esibizioni e masterclass. Delle Donne ha incantato il pubblico virtuale con un concerto diverso dal solito, ogni brano del repertorio classico, da Bach a Satie passando per Mozart, Schumann e Chopin spiegato e approfondito per capirlo e apprezzarlo ancora di più in una maniera facilmente accessibile a tutti. Grazie alla capacità del pianista di condividere la propria passione anche a parole, oltre che con esecuzioni impeccabili al pianoforte, anche gli spettatori “laici”, senza una formazione musicale, hanno potuto apprendere “l’essenza del pianoforte” di Fryderyk Chopin, la sua ricerca della semplicità, il suo usare una forma di rubato, ovvero un libero andamento o interpretazione nell’esecuzione del tempo per cui il valore di alcune note è ora aumentato, paragonato all’ondeggiare di un albero al vento fino al dramma e al pathos che il celebre pianista polacco era in grado di sprigionare. Luca Delle Donne ha deliziato i presenti anche con la composizione musicale Studio op.10 n.12 conosciuto anche con i titoli apocrifi “La caduta di Varsavia” e “Rivoluzionario”, per passare poi all’esposizione di un’altra generazione di pianisti, quelli di fine ‘800, come l’ironico e sui generi Erik Satie. Prima di eseguire la sua “Gnoessienne n.1”, Delle Donne ha svelato l’usanza del pianista dall’intelligenza surreale eccentrico e stravagante, anticipatore di numerose innovazioni che hanno in seguito caratterizzato non soltanto la musica classica ma anche quella pop, rock e jazz, il quale aggiungeva alle proprie partiture indicazioni uniche, ad esempio “come portando una croce”. Non poteva mancare un omaggio a Giuseppe Tartini e per l’occasione è stato scelto lo Studio dai Capricci di Paganini op.3 n.5 di Robert Schumann. Chi ha perso la diretta potrà rifarsi con la registrazione della “Lezione concerto” che ha già riscosso un certo successo con centinaia di visualizzazioni. Questa sarà disponibile sul canale YouTube del “Mediadom Pyrhani”.

Facebook Commenti