L’Alfa Jankovits e le Magnolie convincono

Il premio per la migliore interpretazione femminile è stato conferito a Serena Ferraiuolo, mentre quello per il migliore ruolo maschile è andato ad Andrea Tich. Vincono il balletto «La Sagra della primavera», nonché le opere «La Traviata» e «Cavalleria rusticana» e il concerto «Shahrazad, Romeo e Giulietta e Bolero»

Il cast della pièce “Magnolie d’acciaio”

Gli ensemble del TNC “Ivan de Zajc” aspettano sempre con trepidazione i responsi della critica teatrale, ma non per questo viene dato meno peso ai gusti e alle preferenze del pubblico, che sostiene il teatro acquistando biglietti e abbonamenti. Sono stati resi noti ieri, alla cerimonia di premiazione svoltasi prima della première della versione italiana del musical “Baciami, Cate” – pièce che ha inoltre inaugurato la stagione 2021/22 al Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc” – gli spettacoli e gli attori che si sono guadagnati il favore degli spettatori nella scorsa stagione teatrale e, per quanto riguarda il Dramma Italiano, sono stati i giovani a divertire e ad entusiasmare gli amanti del teatro della nostra CNI.

 

Il migliore spettacolo del DI

Il Premio del pubblico “Giulio Marini” per il migliore spettacolo del Dramma Italiano della stagione 2020/2021 è stato conferito ad “Alfa Romeo Jankovits” di Laura Marchig, diretto da Tommaso Tuzzoli, coproduzione TNC “Ivan Zajc”, Golden Show srl Impresa Sociale, Teatro Rossetti Stabile del Friuli Venezia Giulia, Associazione Culturale Tinaos.

Il Premio del pubblico “Gianna Depoli” per la migliore interpretazione femminile del Dramma Italiano è stato vinto da Serena Ferraiuolo per i ruoli di Serena, Sofia de Grasso, Gabbiano, Pinna Nobilis e Seppia Scoreggina nello spettacolo “Adriatico”, mentre il Premio del pubblico “Raniero Brumini” per la migliore interpretazione maschile del DI è stato assegnato ad Andrea Tich per i ruoli di Andrea e Capitan Luigi nello spettacolo “Adriatico” e per il ruolo di Oscar Ferruccio (Uccio) Jankovits nello spettacolo “Alfa Romeo Jankovits”.

Serena Ferraiuolo, Andrea Tich, Mirko Soldano e Ivna Bruck

La recitazione collettiva

Per quanto riguarda il Dramma Croato, invece, il Premio “Zlata Nikolić” per il migliore spettacolo nella stagione 2020/2021 è andato a “Magnolie d’acciaio” di Robert Harling, con la regia di Renata Carola Gatica. Il Premio “Andreja Blagojević” per la migliore interpretazione femminile nella stagione 2020/2021 del Dramma Croato è andato a Tanja Smoje in “Relazioni pericolose”, mentre il corrispettivo maschile, il premio “Galiano Pahor”, è andato a Nikola Nedić e Mario Jovev per la recitazione collettiva nello spettacolo “Baciami, Cate!”.

Serena Ferraiuolo

Due classici teatrali

Il Premio del pubblico “Boris Papandopulo” per la miglior opera della scorsa stagione è andato a due classici teatrali: “Cavalleria rusticana” di Pietro Mascagni, con la direzione dei Maestri Paolo Bressan e Valentin Egel e la regia di Dražen Siriščević, e “La Traviata” di Giuseppe Verdi, con la direzione del Maestro Valentin Egel e la regia e drammaturgia di Marin Blažević.

Il premio del pubblico per la migliore interpretazione operistica femminile è stato conferito ad Anamarija Knego per il ruolo di Violette Valery ne “La Traviata”, mentre il premio per quella maschile “Milan Pichler” è andato ad Aljaž Farasin per il ruolo di Alfredo Germont, sempre ne “La Traviata” e Don José in “Carmen”.

La direttrice del Balletto, Maša Kolar, consegna il premio ad Andrea Tich

Il migliore balletto

Il Premio del pubblico “Boris Papandopulo” per il miglior balletto nella scorsa stagione è andato a “La Sagra della primavera” di Igor Stravinsky, con la coreografia di Maša Kolar.

Il Premio del pubblico “Olga Orlova” per la migliore interpretazione femminile in un balletto è stato vinto da Ksenija Krutova per il ruolo dell’innocenza perduta nell”Odissea” e per il balletto rituale alla fine de “La Sagra della primavera”.

Il Premio del pubblico “Joža Komljenović” per la migliore interpretazione maschile in un balletto nella scorsa stagione è andato a Tilman Patzak per il ruolo di Atene nell”Odissea” e per quello dello Schiaccianoci ne “Lo schiaccianoci”. Il Premio “Lovro Matačić” per il miglior concerto della scorsa stagione è stato vinto da “Shahrazād, Romeo e Giulietta e Bolero”. A dirigere l’orchestra è stato il Maestro Valentin Egel. Il Premio “Sarah Bernhardt” per la miglior artista ospitata a Fiume nella scorsa stagione è andato a Judita Franković Brdar per il ruolo di Patrizia nello spettacolo “Magnolie d’acciaio”, mentre il corrispettivo maschile, intitolato “Enrico Caruso” è stato vinto da Kevin Greenlaw per il ruolo di Giorgio Germont ne “La Traviata”.

In conclusione, il Premio del pubblico “Đuro Rošić” per il migliore spettacolo del TNC “Ivan de Zajc” è stato conferito a “Magnolie d’acciaio” di Robert Harling, con la regia di Renata Carola Gatica.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.