La scena musicale degli anni ‘60-’70

Il box composto da tre album offre al pubblico il meglio della produzione delle band fiumane di quell’epoca

0
La scena musicale degli anni ‘60-’70

L’associazione fiumana LP Rock che, come suggerito dal nome, riunisce appassionati di musica degli anni ‘60 e ‘70 – dell’epoca d’oro del vinile – ha presentato il box musicale “La prima corrente fiumana” (Riječki prvi val), composto da tre CD intitolati rispettivamente “Uragani”, “Trio Neda, Miljenko i Dario” e “Gužva na palubi”. Prodotto dalla casa discografica “Melody” di Castua in collaborazione con la SAC “Baklje”, il box set è acquistabile presso i negozi Croatia Records.

La copertina del box musicale

Una fase epica

In occasione della presentazione della raccolta, tenutasi a bordo del botel Marina, il pubblico ha potuto avere un assaggio delle più importanti figure della scena musicale fiumana di quel periodo. Secondo quanto affermato dal curatore del disco, Velid Đekić, non si tratta di una raccolta che mira a dare una rappresentazione esaustiva delle band di quell’epoca, limitandosi a dare piuttosto un’immagine approssimativa dei gusti del pubblico fiumano di una volta. Nonostante si tratti in molti casi di registrazioni di cattiva qualità, queste sono “chiare testimonianze dell’arrivo di grandi cambiamenti e rivoluzioni musicali nell’arco di soli dieci anni”, secondo quanto spiegato da Đekić. “La scena rock fiumana degli anni ‘60 – ha puntualizzato – è cronologicamente la prima e, in quanto tale, anche una fase epica del rock croato. Si tratta ciononostante di un punto di forza che purtroppo ha portato a diversi svantaggi, tra cui quello della carenza di incisioni discografiche ufficiali firmate dagli autori”.

Scarsa qualità delle registrazioni

A causa di cattive pratiche dell’epoca, anche le registrazioni della band fiumana “Sinovi mora” realizzate nel 1963 e nel 1965 negli studi di Radio Fiume sono purtroppo di scarsissima qualità. Le testimonianze pervenuteci sono ricavate in larga misura da archivi privati e registrazioni di prove delle band, riprese solamente per motivi tecnici e ora quasi del tutto inutilizzabili. Un altro problema dello studio e della documentazione delle band fiumane degli anni ‘60 e ‘70 riguarda anche la loro mancata abitudine di incidere i propri lavori.

Colmato un vuoto

Malgrado tutte le difficoltà, è stato comunque possibile mettere insieme una quantità di materiale sufficiente e abbastanza approfondita da poter restituire un’immagine della scena musicale fiumana di quegli anni. Si tratta di materiali audio e video il cui valore non va sottovalutato, in quanto offre, come spiegato dal curatore del box set, ciò che manca ai materiali fotografici. Ora i fiumani hanno l’occasione di avere un assaggio delle band Kondori, Kon-tiki, Meteori, Pepermint, Eho, Brucoši, Sinovi mora, Sirene, Sjene, Kvarner, Riječani, Jadran, Suveniri, Kockari, Mamini i tatini, Elektroni, Demoni, Kristali, Karlo Lafan Set, III. b, Blow up, Crni biseri, Automati, Novi automati, The New, Morituri, Šesta stepenica, Horizonti, Six souls, Colosseum ars 9, Boom band e tante altre ancora. Il primo disco della raccolta è dedicato agli Uragani, il secondo al trio Neda, Miljenko e Dario, mentre il terzo offre l’immagine di gruppi minori, molti dei quali entrati nella storia grazie a un solo brano di successo. Il suono del box set è stato curato da Andrej Baša e Robert Funčić. Il progetto è stato realizzato grazie al sostegno della Città di Fiume.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display