La ricchezza del paesaggio linguistico di Fiume

La mostra, allestita l’anno scorso nel Campus di Tersatto, viene riproposta in Corso fino al 21 settembre

La mostra “Il paesaggio linguistico fiumano”, inaugurata verso la fine dell’anno scorso nel Campus dell’Università di Fiume a Tersatto, è stata riproposta nei pannelli espositivi in centro città. Chi non ha avuto modo di visitare il progetto a novembre del 2020 avrà l’opportunità di farlo passeggiando lungo il Corso fiumano fino a martedì 21 settembre.

 

L’iniziativa, ricordiamo, è nata nell’ambito del progetto universitario “Patrimonio scritto della Croazia dal XVIII al XX secolo” (Hrvatska pisana baština od 18. do 20. stoljeća) ed è stata curata dalla professoressa Diana Stolac della Facoltà di Lettere e Filosofia di Fiume, e dal professor Jim Hlavač, della Monash University di Melbourne in Australia. Il paesaggio linguistico è un concetto che indica tutte le scritte esistenti in un ambiente. La loro gamma è molto ampia e spazia dalla segnaletica stradale e dalle scritte ufficiali delle istituzioni statali e locali alle scritte private, alle pubblicità e ai graffiti. Lo scopo del progetto è stato quello di studiare l’uso di una o più lingue nelle scritte pubbliche: queste sono state documentate, descritte e commentate nel contesto sociolinguistico e culturale. La mostra mette in risalto le sfumature e il ruolo che la varietà del bagaglio linguistico fiumano assume nell’ambito della storia e della vita socio-culturale della città. In particolare, i cartelloni affissi nei pannelli espositivi mostrano l’eterogeneità linguistica, dialettale e stilistica che caratterizza ciò che viene definito, appunto, il paesaggio linguistico fiumano. Rispecchiando la pluralità di lingue e linguaggi presenti a Fiume, i cartelloni spiegano le fotografie esposte sia in lingua croata, sia in quella inglese.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.