Il festival MIQ slitta a settembre

Aspettando la versione autunnale, gli organizzatori hanno reso noti i brani che verranno proposti alla manifestazione itinerante che quest’anno è giunta alla sua 56ª edizione

Un’immagine d’archivio della serata finale del MIQ a Parenzo nel 2018

Come tutti gli altri avvenimenti culturali, anche il festival Melodie dell’Istrie e del Quarnero (MIQ) risentirà delle misure legate al contenimento del virus Covid-19. Gli organizzatori dell’evento spiegano che la pandemia di coronavirus ha influenzato finora le nostre vite e la nostra quotidianità e ciò si riflette anche su concerti e altri eventi musicali. Il MIQ di questo sfortunato 2020 si sarebbe dovuto tenere alla fine del mese di giugno, ma probabilmente slitterà di qualche mese. Per ora è probabile che la manifestazione si terrà nella seconda metà di settembre, ovvero la terza settimana del mese. Ovviamente, anche questa data potrebbe saltare e quella fissata ora è soltanto un arco di tempo approssimativo in caso che tutto dovesse filare liscio dal punto di vista epidemiologico nei prossimi mesi. Gli organizzatori hanno espresso l’intenzione di aggiornare regolarmente sia gli artisti che la cittadinanza in modo da essere sempre al corrente di eventuali cambiamenti di programma. È già nota la lista dei brani che sono stati scelti dalla Commissione valutatrice e che verranno presentati dal vivo non appena ciò sarà possibile. La lista dei partecipanti contiene alcune canzoni di riserva nel caso che alcuni degli artisti non possano esibirsi o succedano altri imprevisti. Il comunicato degli organizzatori si conclude con un auspicio che il festival possa mantenere vivo l’amore per il dialetto ciacavo e le tradizioni del nostro litorale in questa 56ª edizione.
Sedici i brani in gara
Il MIQ (quasi) autunnale di quest’anno proporrà i brani Dajen ti besedu (musica: Robert Grubišić – testo: Robert Pilepić), Dojdi mi (Viktor Jerić – Damir Matetić), Inkantan (Robert Grubišić – Medardo Pajkurić/Zlatan Marunić), Kada se klapa najde (Goran Šarac – Robert Pilepić), Kantrida (Sandro Bastijančić – Sandro Bastijančić), Kap po kap (Saša Markovski – Vjeko Alilović), Na te još pensan (Igor Ivanović – Igor Ivanović), Ne pasiva ovo vrime nego mi (Toni Pernić – Toni Pernić), Nevera (Marko Tomasović – Suzana Blečić), Od života libar (Aleksandar Valenčić – Mirjana Bobuš), Ruža od vetri (Robert Grubišić – Vjeko Alilović), Svet na dar (Aleksandar Valenčić – Senka Laginja), Svi na rivu (Bruno Krajcar – Daniel Načinović), Tornaj mi sriće komadić (Frane Frleta – Alen Orlić), Tu ostani (Daniel Moscarda – Daniel Moscarda) e Valentina (Lado Bartoniček – Lado Bartoniček). I brani di riserva sono Fiume nell’anima (Francesco Squarcia – Francesco Squarcia), Istina (Frane Frleta e Ana Antonova – Suzana Blečić), Prijateljice (Suzana Štefanić – Robert Pilepić), Ritorno alla mia Istria (Bruno Krajcar – Giacomo Scotti), Sakramenska pjesma (Frane Frleta – Vjeko Alilović), Sunce moga svita (Robert Grubišić – Robert Grubišić), Triba znati (Vesna Nežić Ružić – Ljubica Bestulić Stanković) e Volin te (Suzana Štefanić – Suzana Blečić).

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.