«Il Dramma Italiano è una delle compagnie più complete e più d’impatto in Croazia»

Giulio Settimo. Foto: Goran Žiković

Sono numerose ed eterogenee le difficoltà che il Dramma Italiano del Teatro Nazionale Croato “Ivan de Zajc” di Fiume sta affrontando in questo periodo. La crisi innescata dalla pandemia da Covid ha portato i teatri a rischiare la chiusura. Le restrizioni che hanno limitato drasticamente il numero massimo di spettatori ammessi agli spettacoli, eliminando una grande fetta degli incassi, si aggiungono alle difficoltà economiche che molte realtà teatrali affrontano quotidianamente. Nel caso del DI, queste si sommano ad altri ostacoli legati, ad esempio, alla mancanza di spazi prove. Al fine di chiarire ipotesi e timori in merito al futuro della compagnia italiana del TNC fiumano, abbiamo parlato con il direttore artistico Giulio Settimo, il quale ci ha spiegato alcune questioni legate ai rapporti con il Dramma Croato dello “Zajc”, oltre che ai prossimi progetti del DI.

L’intervista completa sulla Voce in edicola lunedì 29 marzo o in formato digitale. Clicca qui e abbonati. 

Facebook Commenti