I simboli di Fiume visti da Tony Ambrozich

Nella Galleria Garbas in mostra fino alla fine del mese, le interessanti sculture dell’artista

L'aquila bicipite

Nella Galleria Garbas dell’Istituto di conservazione dei beni storico-culturali di Fiume è allestita la mostra “Simboli di Fiume” di Anton Tony Ambrozich, che comprende una serie di sculture di metallo riciclato in cui l’autore ha modellato con grande cura per i particolari i simboli e i monumenti caratteristici del capoluogo quarnerino.
Si possono ammirare la Torre civica, il Castello di Tersatto, la Cattedrale di San Vito, la scultura dell’aquila bicipite che adorna la cupola della Torre civica; gli abitanti del mare, ovvero varie specie di pesci di grandi dimensioni, ma anche banchi di pesci più piccoli, nonché polpi, i cui tentacoli creano delle forme di grande attrattiva; figure umane intente a danzare, che ricordano degli schizzi veloci e semplificati del movimento del corpo, detti “croquis”, e quant’altro.

Pazienza e precisione 
Le opere esposte denotano la grande pazienza, dedizione e precisione con la quale l’autore si è dedicato a ciascun soggetto, riproducendo con grande attenzione per i particolari gli elementi architettonici e i dettagli artistici che compongono i simboli e i monumenti riprodotti. “Anton Tony Ambrozich esprime il suo orgoglio, rispetto e amore per la città natale con la mostra dei simboli di Fiume […]. Per tanti anni, l’autore ha donato al materiale di scarto una nuova diversa, dandogli una vita nuova, più interessante e più nobile…. La brillantezza del materiale ci ispira a fermarci, a sognare, a risvegliare le emozioni consapevoli dell’amore e del rispetto che sono stati investiti nella creazione di ciascuna scultura e rilievo”, si legge nel testo del catalogo, firmato da Ksenija Ambrozich.
Opere conservate in diverse gallerie
Anton Tony Ambrozich è nato a Fiume, dove vive e lavora. È stato sempre interessato alla modellazione scultorea, iniziando con la lavorazione della pietra, per passare in seguito all’espressione artistica attraverso il metallo. Le sue opere sono conservate in numerose gallerie in Croazia e fuori dai suoi confini, in collezioni private, negli uffici turistici, alberghi, ristoranti, marina e via dicendo. Si è presentato a numerose mostre personali e collettive e ha preso parte a diverse colonie artistiche. La mostra si può visitare fino al 31 luglio.

Facebook Commenti