Fiume e Istria. Ecco la Notte dei musei: poco dal vivo, molto online

Si terrà oggi in formato ridotto la tradizionale manifestazione

La mostra sul siluro fiumano all'interno del Palazzo dell’ex Zuccherificio. Foto Željko Jerneić

Si terrà oggi la 16.esima edizione della Notte dei musei che avrà per tema “I compiti dei musei in condizioni di crisi”.Una parte dell’evento verrà allestita in formato digitale, mentre alcune attività saranno organizzate all’aperto in accordo con le misure antiepidemiche in vigore. Dato il successo ottenuto nel passato dall’iniziativa, alla quale hanno assistito quasi 3,5 milioni di persone a partire dalla prima edizione del 2005, gli organizzatori non hanno voluto rinunciare all’allestimento della Notte dei musei nonostante le restrizioni imposte dalla pandemia di Covid-19. Per questo motivo, ad eccezione di alcune attività che potranno essere svolte all’aperto, il pubblico potrà usufruire dell’intera offerta culturale della manifestazione in formato virtuale.

Aperto il Palazzo dell’ex Zuccherificio 

Come da tradizione, il Museo civico di Fiume parteciperà alla manifestazione di questa sera. Saranno due le strutture che apriranno le porte alla 16.esima edizione dell’iniziativa: il Palazzo dell’ex Zuccherificio in via Krešimir e il magazzino ferroviario in piazza Žabica, dove è allestita la mostra “Il siluro fiumano – il primo al mondo”. L’accesso alle strutture verrà gestito per gruppi di persone, previo ritiro dei biglietti. Gli spettatori potranno accedere al Palazzo della direzione dell’ex Zuccherificio in gruppi da 25, a intervalli di due ore, ovvero alle 18, alle 20 e alle 22. Per ciascun turno è prevista una visita guidata.
Anche l’affluenza all’esposizione dedicata al siluro fiumano seguirà un procedimento simile: le persone potranno accedere alla mostra in gruppi da 30, a intervalli di un’ora, precisamente alle 18, alle 19, alle, 20, alle 21 e alle 22. La visita guidata è prevista per il solo turno delle ore 20. Da sottolineare che tutti i biglietti a disposizione per entrambe le mostre sono esauriti.
Per tutti gli interessati che non avranno l’opportunità di vedere la mostra in via Krešimir, il Museo civico di Fiume ha pubblicato una presentazione video dell’esposizione, disponibile sulla pagina facebook del Museo.

All’MMSU «51000 Balthazargrad»

Sono esauriti i 250 biglietti gratuiti predisposti per la mostra “51000 Balthazargrad”, allestita nel Museo di Arte moderna e contemporanea (MMSU) nell’ambito del progetto Fiume Capitale europea della Cultura. La mostra rimarrà aperta dalle ore 17 alle 22, mentre, al fine di rispettare le restrizioni antipandemiche, i cittadini potranno visitare la mostra in gruppi, disposti in cinque orari dalle 17 alle 21.
La Galleria Kortil celebrerà la Notte dei musei con due esecuzioni della performance “(Non) odiamo proprio tutti?” ((Ne) mrzimo baš sve?) di Martina Hrlić Rogić previste per le 19 e le 20. L’evento si potrà seguire in live streaming alle 19 sul canale You tube della Casa croata di Cultura (HKD) di Sušak. La performance parla del linguaggio dell’odio fissato permanentemente nelle scritte che deturpano le facciate di Fiume, diventate così parte dell’ambiente cittadino, del linguaggio quotidiano e del sistema di valori, come pure della loro assenza. L’obiettivo della performance è identificare e cancellare questo tipo di messaggi: rimuoverli fisicamente dai muri e idealmente dalla coscienza e dall’esperienza collettiva.

Peek&Poke e Museo della farmacia

Il Museo dell’informatica Peek&Poke aprirà pure al pubblico in occasione della Notte dei musei. Il Museo rimarrà aperto, con ingresso gratuito, dalle ore 18 a mezzanotte. Al nuovo Museo della farmacia, oltre a partecipare alle visite guidate (in programma alle ore 18, 19.30 e 21), il pubblico potrà assistere alle presentazioni di farmacisti esperti incentrate sulla realizzazione di tipici modelli di preparati galenici. Date le restrizioni antiepidemiche, l’accesso alle visite guidate verrà consentito a gruppi di dieci persone; al termine dei tre turni di visite guidate, sarà disponibile visitare il Museo, individualmente, entro mezzanotte. Gli interessati sono invitati ad annunciare la propria visita entro le ore 12 di oggi, inviando un’e-mail all’indirizzo [email protected], oppure telefonando al numero 051/257-103.

Il Rijeka nell’Export

Negli spazi dell’Export, in Delta, si potranno osservare i memorabilia di calcio esposti nella mostra intitolata “Questo è il Rijeka – cento ricordi, una sola storia” (Ovo je Rijeka – stotinu uspomena, jedna priča), allestita come parte del programma di Fiume CEC. L’Export rimarrà aperto, a ingresso gratuito, dalle ore 15 a mezzanotte.

«Museo in comunità» su KanalRi

Anche il Museo di Storia e marineria del Litorale croato aderirà alla 16.esima edizione della Notte dei musei, seppur in forma virtuale: in collaborazione con il KanalRi, è stato organizzato un programma intitolato “Museo in comunità”, che verrà trasmesso alle ore 20.30. Oltre ai membri dell’organico del Museo e ai partecipanti del laboratorio “Teatranti del Guver” (Dramci iz Guvera), alla trasmissione prenderanno parte anche cinque associazioni comprese nel Consiglio museale cittadino, fondato dallo stesso Museo nel 2019. Nel corso del programma, verranno esposti alcuni reportage su esperimenti riusciti di una giusta tutela del territorio, nel rispetto del valore dell’eredità culturale. In aggiunta, verranno presentati alcuni esempi di gestione dei periodi di crisi, attraverso l’unione, la collaborazione, la cura dell’altro, la responsabilità e la solidarietà. La trasmissione sarà adattata ai non udenti. All’edizione 2021 della manifestazione non mancherà la partecipazione del Museo di Scienze naturali, il cui programma sarà dedicato ai bambini. Alle ore 18 avrà infatti inizio il laboratorio educativo denominato “Passo dopo passo…alla scoperta dei granchi”.

ABBAZIA

La Perla del Quarnero aderirà alla Notte dei musei con un evento online organizzato dal Museo croato del turismo. Sul sito alle ore 18, si potrà seguire la conferenza del curatore proveniente dalla Cina, incentrata sulle attività dei musei all’epoca della pandemia. Numerosi pure i Musei di Zagabria che aderiranno all’edizione 2021 della manifestazione nazionale. L’Università degli Studi di Zagabria partecipa alla rassegna per il secondo anno consecutivo con numerose attività. Alle ore 12, l’Ufficio per il materiale d’archivio dell’Università di Zagabria, in collaborazione con il Dipartimento per le scienze informatiche dell’Università di Zara, presenterà un laboratorio online sulla Topoteka e la documentazione della vita studentesca all’Università di Zagabria. A guidare il workshop saranno le docenti Vlatka Lemić e Marijana Tomić. Inoltre sulla piattaforma Topoteka si potrà vedere la mostra di fotografie “Potres 2020” (Il terremoto 2020).

POLA

Nell’ambito della Notte dei musei a Pola, a… farla da padrone, come al solito sarà il Museo archeologico dell’Istria, che ha preparato numerosi avvenimenti che si terranno online, tramite i social network, però anche in modo “tradizionale”, ossia con delle guide nell’Anfiteatro polese dalle 11 di oggi all’una di domani. In forma digitale si terrà pure un quiz in merito al patrimonio culturale polese che sarà dedicato agli alunni. Quest’edizione della Notte dei musei dunque, a detta degli organizzatori, si svolgerà senza il consueto via vai e gli assembramenti dei cittadini lungo le vie cittadine, e con il rispetto di tutte le misure epidemiologiche nelle gallerie e nei vani gestiti dal Museo. Accanto ai programmi online che si potranno seguire da casa, i cittadini avranno modo di vedere i contenuti in prima persona in Arena (visite guidate alle 18, alle 19 e alle 20) e nella galleria C8, che ovviamente saranno aperte.
La Notte dei musei, per l’organizzazione del Comune e dell’Ente turistico locale, per la prima volta si terrà pure a Fasana, dalle ore 17 alle 24. Manco a dirlo, in forma digitale, ovvero sulle pagine web della Pro loco fasanese. Il tema riguarda la mostra online “Djevojačka soba – trag u vremenu (La camera della ragazza – un segno nel tempo)”. La stessa, che tratta una piccola parte della vita sociale di Fasana, sarà accessibile cliccando su questo link.

PARENZO

Anche il Museo del territorio parentino aderirà alla manifestazione, tuttavia in via virtuale: per il tramite di una serie di brevi presentazioni video, i membri dell’organico del Museo illustreranno le particolarità dell’architettura e gli oggetti della storia parentina, soffermandosi anche sulle personalità famose di Parenzo. I curatori guideranno il pubblico in una visita virtuale del centro storico di Parenzo, rivelando le curiosità legate al passato della città istriana. Le presentazioni video potranno essere consultate a partire dalle ore 19, sulla pagina facebook del Museo del territorio parentino.

ROVIGNO

Il Museo civico di Rovigno, nonostante la situazione epidemiologica, ha preparato quest’anno un interessante programma in occasione della Notte dei musei.
In collaborazione con l’Unità dei Vigili del fuoco rovignesi e l’Associazione “Casa della batana”, i visitatori potranno godersi il programma in piazza Maresciallo Tito davanti al Museo civico e in Riva Aldo Rismondo davanti alla sede della Casa della batana, dalle ore 18 alle 21. Davanti al Museo, i Vigili del fuoco esporranno il proprio veicolo più antico, tuttora funzionante, mentre dalle 18.30 alle 19.15 in piazza Maresciallo Tito, l’eminente geologo croato Igor Vlahović terrà una conferenza intitolata “Di quale pietra è fatta l’Istria e quanto è geologicamente tranquilla?”. A partire dalle ore 20 è previsto un concerto dal balcone del Museo del quartetto rovignese “Le nuove quattro colonne”.
Al contempo sulla Riva Aldo Rismondo si potranno ammirare numerose batane, alcune con le vele al terzo, altre con le lanterne da pesca accese, mentre nella “Casa della batana” sarà possibile visitare due mostre. In esposizione le vele dipinte dagli alunni delle classi inferiori delle scuole elementari locali, dal titolo “Li vìle al tièrso d’i nuòstri fiuòi” (Le vele al terzo dei nostri bambini), nonchè la “Batana peîcia”, ristrutturata nell’ambito del progetto europeo Arca adriatica. L’evento sarà trasmesso in diretta sulle pagine facebook del Museo civico e dell’Associazione “Casa della batana”.

UMAGO

Il Museo civico di Umago consentirà, a partire dalle ore 18, la visione delle mostre composte dalle miniature museali che saranno esposte lungo le vie della città e nello spazio espositivo del Museo stesso. Ognuno sceglierà il proprio percorso dei sei punti espositivi, ossia presso il Vecchio mulino in via Ernest Miloš, in piazza Primo maggio, nella chiesa di San Rocco, in piazza della Libertà, in piazza San Martino e nel Museo civico. Si tratta di un evento interessante, ma condizionato dall’emergenza Covid, che comunque non dovrebbe influire notevolmente sull’andamento della manifestazione. Nei punti espositivi ci saranno dei pannelli informativi che avranno contenuti digitali, come foto, quiz, puzzle e, per i più persistenti, un gioco a premi, cui si potrà accedere tramite i cellulari che dispongono di lettori QR oppure scaricando app gratuite. Il progetto sarà presentato dalle operatrici museali di Umago alle ore 19.

ALBONA

Ricorre quest’anno il centesimo anniversario della Repubblica di Albona. Per l’occasione, il Museo popolare di Albona ha realizzato la mostra virtuale “I cent’anni della Repubblica di Albona”, che può essere visitata cliccando sulla pagina web.

LUSSINPICCOLO

Il Museo civico di Lussino ha optato quest’anno per la versione online. A partire dalle ore 18, cliccando sul sito del Museo, verrà presentato un video delle scorse edizioni della Notte dei musei.

Facebook Commenti