Fiume. Aspettando Natale con l’arte e la musica

Il Coro misto. Foto: Ivor Hreljanović

Alla Comunità degli Italiani di Fiume si è tenuto ieri sera il tradizionale concerto del periodo che precede le feste di fine anno “Aspettando Natale”, Protagonisti, davanti a un caloroso pubblico, tutte le sezioni musicali della CI, ossia i Cori maschile, femminile e misto, i Minicantanti e la Mandolinistica, nonché i Virtuosi fiumani.

Mostra vendita della Sezione pittori. Foto: Ivor Hreljanović

A precedere l’evento musicale, nella Sala espositiva è stata inaugurata la tradizionale Mostra vendita di Natale della Sezione pittura “Romolo Venucci”, guidata da Tea Paškokv, con i lavori degli artisti dilettanti attivi nel sodalizio di Palazzo Modello. Come ogni anno, a visitare la mostra sono stati numerosi connazionali, che hanno potuto ammirare le opere d’arte scaturite dalla fantasia creativa dei pittori, tra borse, scatole e bauletti, con motivi che prendono spunto dalla natura, dal capoluogo quarnerino, e come tradizione vuole, dal periodo natalizio. E soprattutto, gli interessati hanno potuto acquistare le creazioni originalissime dei nostri attivisti.
Il momento clou della serata è stato, però, il concerto nel Salone delle feste di Palazzo Modello, che anche quest’anno è stato dedicato al Natale e alle melodie classiche legate a questo periodo.
Ad aprire la serata è stato il Coro femminile diretto dalla Maestra Gloria Segnan e accompagnato al pianoforte da Vjera Lukšić, che ha intonato, tra l’altro, “Bianco Natale” di Irving Berlin. Tra le composizioni presentate dal Coro maschile, diretto pure da Gloria Segnan, l’antica lauda spirituale “Lieti pastori”. Tutti insieme in scena, nel Coro misto, hano proposto “La notte placida” di F.Couperin e il canto tradizionale napoletano “Quando nascette ninno”.
Non da meno i Minicantanti, diretti da Martina Sanković Ivančić, con l’immancabile “We wish you a merry Christmas”, e “Te sento Fiume” di Gianna Mazzieri. Ad allietare il caloroso pubblico sono stati pure i “Virtuosi fiumani”, Antonio Mozina e Aldo Racané, accompagnati al pianoforte sempre da Vjera Lukšić, con l’ “Offertorio pastorale” di De Zajc. A chiudere in bellezza il concerto è stata la Mandolinistica, con composizioni di Becucci, Bizzosa e Adam. Gran finale con la tradizionale canzone natalizia “Pastori festeggiate”.

Facebook Commenti