Concerti di Capodanno tra canti, balli e champagne

La splendida sala del Musikverein di Vienna

Nonostante i tempi non facili e le preoccupazioni per il futuro che ci attanagliano, il mondo, almeno per qualche giorno, ha deciso di festeggiare l’Anno Nuovo in un turbinio di cene, spumanti, bollicine, fuochi d’artificio, spettacoli e concerti di tutti i tipi, nelle piazze come nelle sale da concerto.
Anche quest’anno Vienna non si è smentita. Nella splendida sala del Musikverein, tra fiori, valzer, marce, polke, quadriglie e un pubblico internazionale, trasmesso in Eurovisione, il rituale Concerto di Capodanno è entrato in milioni di case portando una ventata di spensieratezza, sogni ed eleganza. Sul podio il Maestro lettone Andris Nelsons ha diretto con spirito e leggerezza la formidabile Filarmonica di Vienna che ancora una volta ha incantato. Come bis l’immancabile “Bel Danubio blu” e “Radetzkz Marsch” scandita con partecipazione dalla platea e i finali tradizionali applausi.
Frizzante Serenissima
Ai festeggiamenti per l’Anno Nuovo non poteva mancare la Serenissima, che nella mattinata di ieri, ha trasmesso in diretta televisiva, nella splendida Fenice, il tradizionale concerto di Capodanno con l’Orchestra e Coro del Teatro diretto da Myung-Whun Chung. Maestro del Coro Claudio Marino Moretti.
In qualità di voci soliste si sono esibiti con successo il soprano Francesca Dotto, il tenore Francesco Demuro, il baritono Luca Salsi e il contralto Valeria Girardello.
Il Concerto di Capodanno della Fenice – a testimoniare la forza della città che si è rialzata dopo il difficile novembre contraddistinto dalle acque alte eccezionali – come da tradizione ha proposto un programma musicale in due parti: una prima esclusivamente orchestrale e una seconda dedicata al melodramma, con una carrellata di arie, duetti e passi corali interpretati da solisti di assoluto prestigio e dal Coro del Teatro La Fenice. Ogni anno il Concerto si chiude con due pagine celeberrime di Giuseppe Verdi, capisaldi del patrimonio musicale italiano: il Coro “Va’ pensiero sull’ali dorate” da Nabucco e il festoso brindisi “Libiam ne’ lieti calici” da La traviata. Calorosissimi gli applausi del pubblico.
Kids a Palermo
Una delle città italiane in cui la tradizione del Concerto di Capodanno è molto sentito è l’affascinante e intrigante Palermo, che nel passato fu crogiuolo di arte greca, araba, romana e normanna. Il Concerto di Capodanno Kids si è tenuto nel monumentale Teatro Massimo.
Posto lungo il prolungamento di uno dei due assi principali della città il Teatro Massimo è una cerniera tra la città antica e la nuova. Elegante e rigoroso, possente per la sua struttura concepita con raffinato senso delle forme, si impone oltre che per essere un importante centro di produzione e di spettacoli, anche per la sua bellezza monumentale.
I palermitano hanno festeggiato il Capodanno con protagonisti il direttore Michele De Luca, la fisarmonica di Pietro Adragna, la Massimo Kids Orchestra, Cantoria, il Coro di voci bianche e il Coro Arcobaleno del Teatro Massimo Maestro del Coro Salvatore Punturo. “Around the world” era il titolo del concerto, nell’ambito del quale sono state proposte musiche di autori francesi, tedeschi, italiani, giapponesi, russi, americani e argentini spaziando dalla musica sinfonica, alla lirica al gospel al tango.
Prestigiosi nomi a New York
Il Teatro Metropotilan della Grande Mela si è congedato dall’Anno Vecchio, a S. Silvestro, con un concerto lirico di gala con protagonista Anna Netrebko, una delle stelle internazionali dell’opera, la quale, con tanto di scenografia e costumi ha interpretatodei brani dalla “Tosca”, da “Turandot” e da “La Bohème”. Il direttore artistico del Metropolitan, Yannick Nézet-Séguin ha diretto il concerto, che ha visto tra gli altri prestigiosi cantanti pure la partecipazione del tenore Yusif Eyvazov.
I newyorkesi hanno salutato il Nuovo Anno con il suggestivo “Rosenkavalier” di Richard Strauss, diretto da Sir Simon Rattle con le splendide scenografie di Robert Carsen. Camilla Nylund ha vestito i panni di Marschallin, Magdalena Kožená quelli di Octavian, il suo giovane ed esuberante amante. Il basso Günther Groissböck ha interpretato il ruolo del libertino Barone Ochs ivious Baron Ochs, con Golda Schultz nella parte dell’innocente Sophie.
Barocco a Berlino
Berlino, la capitale europea della modernità, dell’arte, della multiculturalità e naturalmente della musica, ha festeggiato l’Anno Nuovo con uno stuolo di concerti e spettacoli nelle sue tante sedi. L’Orchestra dell’Opera di Berlino ha tenuto il tradizionale concerto di Capodanno con musiche di Mozart e Beethoven diretto da Daniel Barenboin.
Gli amanti della musica barocca invece si sono goduti il concerto di Capodanno nello strabiliante palazzo barocco di Charlottenburg, dove la Berlin Residence Orchestra, i cui musici abbigliati in costumi d’epoca, hanno eseguito brani di Händel Mozart, Franz Léhar e Johann Strauss con la bravura che li contraddistingue.

Facebook Commenti