Castua, Abbazia e MIQ. Firmata la collaborazione

È tutto pronto per una nuova edizione della rassegna canora che si articolerà in quattro giornate

La firma simultanea delle tre copie del contratto

La valorizzazione del patrimonio linguistico locale è sempre stata un valore importante per le Città di Castua e Abbazia, che continuano a impegnarsi in questo arduo compito. L’ultimo importante passo fatto in questa direzione è stata la firma del contratto di collaborazione tra le due Città e il Festival delle Melodie dell’Istria e del Quarnero (MIQ), avvenuta ieri a porte chiuse. A diffondere la notizia è stato l’ufficio del Festival, nonché il direttore Andrej Baša, il quale ha firmato il documento assieme ai sindaci di Castua, Matej Mostarac e Abbazia, Fernando Kirigin.

 

Promozione della parlata dialettale

Con questo atto è stata confermata la continuazione della collaborazione tra le Città e il Festival, che verrà ospitato nei due centri ad anni alterni, ma che collaboreranno all’organizzazione ogni singolo anno. In questo modo il MIQ continuerà a incontrare il pubblico, ma rappresenterà anche un mezzo di promozione per le città, in quanto il Festival userà i propri canali (tra cui anche gli spot pubblicitari sui canali della Radiotelevisione croata) per far conoscere ai cittadini le bellezze locali, linguistiche, musicali e geografiche.

Entrambi i sindaci si sono soffermati sull’importanza del MIQ nella tutela della tradizione delle nostre terre, ma anche della promozione della cultura e della parlata dialettale del Quarnero e dell’Istria. Il direttore del Festival ha aggiunto anche che la collaborazione seguirà i modelli già instaurati con le autorità di autogoverno locale di Veglia, Crikvenica e Novi Vinodolski.

Kirigin, Mostarac e Baša in una stretta di mano (formato antiCovid) a tre

Si parte il 1.mo settembre

La tournée della carovana del MIQ inizierà mercoledì, primo settembre e durerà quattro giorni. La prima tappa è la Scena estiva di Abbazia, mentre già il giorno successivo, giovedì, 2 settembre, i concerti si terranno a Fiume, in piazza della Risoluzione fiumana. Il terzo giorno l’evento si sposterà a Crikvenica in piazza Stjepan Radić, dove avrà luogo la prova generale del gran finale di sabato, 4 settembre.

47 artisti in scena

Saranno complessivamente 47 gli artisti in scena, i quali porteranno 19 brani con accompagnamento dell’orchestra e dei cantanti del Festival. A condurre il programma saranno Uršula Tolj, Robert Ferlin e Mario Battifiaca. A causa del numero limitato di posti, se qualcuno dovesse rimanere senza biglietto, potrà comunque seguire la manifestazione, che verrà trasmessa in diretta sul secondo canale della Radiotelevisione croata. I biglietti per le prime due serate, che si terranno ad Abbazia e Fiume, sono già in vendita e si possono acquistare tramite il portale mojekarte.hr, oppure presso i punti vendita ufficiali (Dallas Music Shop, Foto Revija, gli uffici del Festival Opatija e New Sound di Mattuglie).

Il prezzo del biglietto in prevendita è di 70 kune. Il numero complessivo di biglietti è ridotto a causa delle misure epidemiologiche, ma tutti i concerti si terranno in sicurezza e nel rispetto delle raccomandazioni dell’Istituto di Salute pubblica. A causa del ridimensionamento dell’evento gli organizzatori invitano gli interessati a non aspettare l’ultimo momento, ma di munirsi di biglietto per tempo.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.