Art cinema di Fiume: proiezioni all’aperto

Durante il mese di giugno verrà proposta una retrospettiva di film di Ivica Vidović, in occasione del decimo anniversario della sua morte, e un ciclo dedicato a Krzysztof Kieślowski

Una scena del film “Zora” di Matanić

Come ogni anno, con l’arrivo dell’estate l’Art cinema di Fiume chiude almeno provvisoriamente la grande sala cinematografica per offrire al suo pubblico un’esperienza unica: una proiezione sotto le stelle. Il cinema all’aperto, nel cortile messo a disposizione dai frati cappuccini, è l’ideale in questo periodo di pandemia, ma anche prima della comparsa del Covid-19 nelle nostre vite era un modo divertente di godersi l’estate anche senza lasciare la città.

 

Il mese di giugno di quest’anno inizierà con una retrospettiva intitolata Tragom Ivice Vidovića (Sulle orme di Ivica Vidović), dedicata, appunto, al grande attore croato, mentre gli ultimi mercoledì del mese saranno dedicati al grande personaggio della cinematografia polacca, il regista Krzysztof Kieślowski. Le proiezioni all’aperto inizieranno il 10 giugno con il nuovo film di Dalibor Matanić “Zora” (Alba), mentre il 17 giugno, sempre nello spazio all’aperto, avrà luogo la première dell’ Aquila fiumana (Riječki orao).

Un omaggio a Ivica Vidović

Il mese di giugno inizierà ricordando Ivica Vidović, uno straordinario attore cinematografico e teatrale, ma anche televisivo, scomparso il 18 aprile 2011. Il programma “Sulle orme di Ivica Vidović” inizierà oggi, si concluderà l’8 giugno e porterà all’Art cinema sette lungometraggi e tre cortometraggi che hanno segnato la vita e la carriera dell’attore. Il programma verrà aperto con la presentazione, questa sera alle ore 19, della monografia “Hod po rubu, s Ivicom” (Camminata sull’orlo, con Ivica) alla quale prenderanno parte la moglie dell’attore, Gordana Gadžić, attrice e autrice della monografia, il teatrologo Boris Senker e il cinefilo Željko Luketić.

In occasione del decimo anniversario della morte dell’attore, nell’ambito del ciclo di film verranno proiettati sette lungometraggi e tre cortometraggi che hanno segnato la sua carriera. Al termine della presentazione del libro di Gordana Gadžić, il pubblico avrà l’opportunità di visionare uno dei primi film della carriera registica di Antun Vrdoljak, nonché uno dei primi ruoli da protagonista di Vidović. “Kad čuješ zvona” del 1969, con Boris Buzančić, Pavle Vuisić e Ivica Vidović, è in programma stasera alle ore 20.

Ivica Vidović

Memorabile regia

Domani alle ore 19.30 verrà proiettato “Zaseda” del 1969, una delle più memorabili regie di Živojin Pavlović, mentre venerdì 4 giugno avranno luogo le proiezioni del cortometraggio “Putovanje” del 1972, diretto da Bogdan Žižić e interpretato da Ivica Vidović, Fabijan Šovagović e Zdenka Heršak, e di “Idu dani” del 1970, scritto e diretto da Fadil Hadžić, con Vidović, Dragutin Dobričanin e Rade Šerbedžija nei ruoli principali.

Il programma proseguirà anche nel fine settimana. Le proiezioni di “Madeleine, mon amour!”, cortometraggio di Bogdan Žižić del 1972, e di “W.R. – Misterije organizma”, film di culto del 1971 diretto da Dušan Makavejev, sono previste per sabato 5 giugno a partire dalle ore 19.30, mentre il giorno successivo verranno proiettati, con inizio alle 19, il corto “Posljednja utrka” di Bogdan Žižić, uscito nel 1975, e la commedia “Kužiš stari moj” di Vanča Kljaković, del 1973.

La rassegna dedicata a Ivica Vidović si concluderà con due pellicole dirette da Zoran Tadić: dopo “Ritam zločina” del 1981, basato sui racconti di Pavao Pavličić (in programma lunedì 7 giugno alle ore 19.30), il pubblico potrà visionare “Čovjek koji je volio sprovode” del 1989 (martedì 8 giugno alle 19.30), in cui Vidović ha recitato insieme a Vlatko Dulić e alla moglie Gordana Gadžić.

Collaborazione internazionale

Il ciclo “Sulle orme di Ivica Vidović” è stato organizzato dalla casa di produzione Jadran film in collaborazione con lo Zagreb film e il Centar film di Belgrado. Il programma è stato realizzato grazie all’apporto delle cineteche della Croazia e della Slovenia, nonché dell’Arsenal di Berlino e della Cineteca jugoslava con sede a Belgrado.

La presentazione del volume di Gordana Gadžić, con la quale verrà inaugurato il programma, è a ingresso gratuito, con prenotazione obbligatoria all’indirizzo [email protected]

Première dell’«Aquila fiumana»

Per quanto riguarda il programma all’aperto, il primo film che si potrà vedere è “Zora”, di Matanić, un thriller psicologico con elementi drammatici che fa parte della Trilogia del Sole. Il 14 giugno è in programma il dramma “Tereza37” con la sceneggiatura di Lana Barić e la regia di Danilo Šerbedžija, premiato con sei Arene d’oro al Festival del cinema di Pola l’anno scorso. Come ormai da tradizione, anche l’Animafest di Zagabria verrà ospitato a Fiume. Il 12 e il 13 giugno verranno presentati i migliori film in gara, con un accenno particolare all’erotica e all’amore.
La première del film “Aquila fiumana” avrà luogo il 17 giugno alle ore 21.30 alla presenza degli autori del film. Il documentario, la cui sceneggiatura è firmata da Velimir Grgić e la regia da Dario Lonjak, parla di Gabriele d’Annunzio e della sua avventura a Fiume. Il film analizza tutto il periodo in questione attraverso la ricerca della testa scomparsa dell’aquila fiumana collocata sulla Torre civica.

Ricordando Krzysztof Kieślowski

Un altro anniversario è quello della nascita e della morte (rispettivamente 80 e 25 anni) del regista polacco Krzysztof Kieślowski. I “mercoledì con Kieślowski” porteranno a Fiume i film appartenenti alla seconda fase della sua produzione, contrassegnata dalla tendenza al clima metafisico e alle coincidenze. In programma ci saranno i film più noti, ovvero il 23 giugno il film “Blu”, il 30 giugno “Bianco” e il 7 luglio “Rosso”. All’apertura, il 23 giugno, la Società croata dei critici cinematografici organizzerà un dibattito sui Colori nei film, evento al quale parteciperanno i critici Dina Pokrajac, Dragan Rubeša e Hrvoje Pukšec.

Anche il Festival del film mediterraneo di Spalato giungerà a Fiume il 25 e il 26 giugno con due pellicole premiate al Black Nights Film Festival di Tallin, “Ancora un respiro” della regista di Istanbul Nisan Dağ e “Paura” di Ivajla Hristova dalla Bulgaria.

I bambini potranno continuare a visitare la sala cinematografica della Casa dell’infanzia, dove sono in programma i migliori cartoni animati del momento ogni venerdì, sabato e domenica pomeriggio. I bimbi, accompagnati dai genitori, potranno vedere il film della Disney e di Pixar, “Luka” (dal 18 giugno) e “Soul 3D”, premiato con l’Oscar (dal 5 giugno), l’avventura animata “Ainbo: lo spirito dell’Amazzonia” (dal 4 giugno), “Raya e l’ultimo drago” (dal 12 giugno) e “Croods 2: Una nuova Era” (dal 5 giugno).

Facebook Commenti