Art Cinema. Decine di titoli in apertura del nuovo 2021

Dopo le feste di Natale e Capodanno l’ente fiumano riapre i suoi battenti domenica 10 gennaio. Tra cartoni, classici della cinematografia e documentari, il mese di gennaio è tutto fuorché monotono

Il lungometraggio “Soul”

L’Art cinema Croatia è rimasto chiuso durante le feste per ben tre settimane e il 10 gennaio riaprirà i suoi battenti per riproporre alcuni dei classici in seno al programma “L’amore ai tempi del corona”, ma anche altre film interessanti. Il primo della serie è il lungometraggio “Soul”, in programma lunedì 10 gennaio alle ore 14, un film d’animazione del 2020 diretto da Pete Docter, prodotto dai Pixar animation studios (facente parte della Walt Disney pictures) e distribuito dai Walt Disney studios motion pictures. Si tratta del 23° lungometraggio d’animazione della Pixar.

 

Il film segue la storia di Joe Gardner, un insegnante di musica della scuola media superiore, che cerca di riunire la sua anima e il suo corpo dopo che sono stati accidentalmente separati, poco prima della sua grande svolta come pianista jazz. Inizialmente era programmato per uscire nelle sale cinematografiche ma a causa della pandemia ha esordito il 25 dicembre 2020 sulla piattaforma streaming Disney+, senza alcun costo aggiuntivo per tutti gli abbonati. Ha ricevuto recensioni molto positive dalla critica, con elogi per l’animazione, la storia, la recitazione vocale e la musica.

Spazio ai documentari
Lunedì, 11 gennaio, alle 19, è in programma il documentario “O jednoj mladosti” (Di una gioventù), presentato a dicembre dell’anno scorso, con la sceneggiatura e la regia di Ivan Ramljak. Tredici anni dopo la morte improvvisa del migliore amico, il regista cerca di ricostruire la sua vita e i rapporti d’amicizia usando solo fotografie e materiale video. Il film parla della generazione di giovani della fine degli anni Novanta del secolo scorso, i quali in una Croazia reduce dalla guerra cercano di trovare un senso e un’identità.

Martedì, 12 gennaio, alle ore 19, è in programma “For Sama”, un documentario di Waad al Kateab e Edward Watts, che racconta la vicenda di una donna e madre coinvolta nel conflitto armato in Siria, ad Aleppo, conclusosi nel 2016. Il grande bivio incontrato dalla protagonista è quello tra la lotta per la libertà o la fuga da un’Aleppo rasa al suolo.

Mercoledì, 13 gennaio, sempre alle ore 19, è in programma il documentario “A dog called money” di
Seamus Murphy, che parla dell’esperienza musicale e intima della cantautrice inglese PJ Harvey.
Il 14 gennaio alle ore 19, si può vedere il film “Jedriličarke broda Maiden” (Le veliste della nave Maiden), un altro documentario, che parla della prima ciurma interamente al femminile ad aver partecipato alla regata che ha circumnavigato la Terra nel 1989
.

“Undine”, un film di Christian Petzold

La depressione del mese di gennaio
Il 15 gennaio, uno dei giorni più deprimenti dell’anno, è in programma il dramma “Otac” (Padre) di Srdan Golubović, una vicenda dolorosa in cui la povertà si unisce all’insensibilità delle istituzioni. Nikola deve lottare per riottenere la custodia dei suoi due figli, che gli era stata tolta in seguito a un tentativo di suicidio da parte della moglie.
Sabato, 16 gennaio, all’Art cinema verrà riproposto il film pluripremiato “Undine” del regista tedesco Christian Petzold (Barbara, Feniks, Tranzit). Undine (Paula Beer) è una storica e giovane donna di successo. Quando il suo amante la lascia, Undine decide di seguire il mito delle sirene che uccidevano gli uomini che le tradivano e poi tornavano in mare.
L’ultimo giorno della settimana, domenica 17 gennaio, alle ore 20.15, si potrà assistere alla proiezione del film messicano del 2019 “Midnight family” (Famiglia di Mezzanotte), un documentario che segue le squadre di pronto soccorso di Ciudad de México, facendo luce sugli intrighi e le irregolarità del sistema sanitario nazionale.

Una conclusione da Oscar
Il 22 gennaio, rispettivamente alle ore 17 e 19, sono in programma il cartone francese “Le voyage du prince” e il dramma criminale dei fratelli Coen “Fargo”, il quale racconta la vicenda di un rivenditore di automobili che paga due uomini affinché rapiscano sua moglie e cerchino un riscatto pari a un milione di dollari. Il film ha vinto due Oscar, per il miglior scenario e per la miglior attrice a Frances McDormand. Sabato, 23 gennaio, alle ore 19, verrà riproposto il documentario di Dario Juričan “Kumek”, dedicato al sindaco zagabrese Milan Bandić.

“Fargo”, il film drammatico dei fratelli Coen

L’ultima settimana del mese, che va dal 25 al 31 gennaio, vedrà alcuni dei film sopraelencati e si concluderà con il classico “I ponti di Madison County” con Clint Eastwood e Meryl Streep.

Facebook Commenti