Amore per il mare è viaggiare ed esplorare

Brunello Gentile ad Abbazia

ABBAZIA | L’amore per il mare, il mescolarsi delle culture nei porti del Mediterraneo, il coraggio di partire e vivere un’avventura su una barca… Sono soltanto alcuni dei temi elaborati dal poliedrico autore italiano Brunello Gentile, nell’ambito di una presentazione della sua vita e opera nella Comunità degli Italiani di Abbazia, moderata da Federico Guidotto. Nato ad Alghero, in Sardegna, a tre mesi si trasferì con la sua famiglia a Padova, dove tuttora vive e lavora come revisore legale. Ereditò l’amore per il mare da sua madre, originaria di Alghero, “uno dei posti più belli del mondo” – sostiene –, dove trascorreva ogni estate.
Qualche cenno della ricca biografia di Gentile. Diportista, nel corso della sua vita ha percorso 40mila miglia nautiche a vela e a motore, è stato corrispondente di riviste di mare, presidente di un Circolo Subacqueo, consigliere di Club nautici, istruttore per patenti nautiche. Possiede pure titoli professionali di comando della Marina Mercantile Italiana, è autore di diversi articoli storico-sociali, è membro di redazione di riviste storiche ed è stato autore, regista e attore teatrale. Ha pubblicato due collane di racconti di mare e vinto più di cento premi a concorsi letterari. È attivo come critico letterario e membro di giurie tecniche in concorsi di narrativa, poesia, saggistica e fumetto, nazionali e internazionali. Il suo romanzo “Pensieri di sabbia” ha vinto sei premi nazionali, mentre dal 2005 ha ricevuto oltre 300 inviti a presentarsi come scrittore in ogni regione italiana e all’estero. Cura pubblicazioni di altri autori e decine sono le sue prefazioni a libri di narrativa e poesia.

La passione per il mare

L’incontro con Brunello Gentile, come rilevato da Federico Guidotto, è stato concepito come un’intervista, per cui la prima domanda alla quale l’autore ha risposto era legata alle origini del suo amore per il mare. “Sono figlio di padre padovano e di madre sarda. La passione per il mare mi è stata trasmessa da mia madre – ha spiegato –. Ma quando parlo di passione per il mare, non faccio riferimento alle giornate trascorse in spiaggia: per me amore per il mare vuole dire viaggiare ed esplorare, conoscere culture diverse in ogni porto, in quanto questi sono gli unici luoghi in cui le culture si mescolano. Il mare è un’apertura mentale che non esiste in nessun altro aspetto della vita umana”, ha rilevato Gentile, precisando che come scrittore di mare si concentra sulle vicende di un uomo e di una donna che si trovano soli a contatto con la natura e devono imparare a sopravvivere.

L’importante ruolo degli scrittori

Gentile ha accennato pure all’importante ruolo degli scrittori e dei poeti, che – in un mondo in cui pochi, nell’ambiente lavorativo o in politica, esprimono ciò che pensano veramente – hanno una missione essenziale. “Io creo personaggi ai quali do le mie emozioni. Inoltre, in ogni porto nel quale approdo vado sempre in cerca di libri che parlano di tradizioni, fantasie, fiabe tipiche del luogo. Infatti, le fiabe sono i sogni della vita”, ha sottolineato l’autore.
Uno spazio più ampio è stato riservato alla costa dell’Adriatico orientale, che Gentile ha caratterizzato come “una superficie con paesaggi unici”, mentre il Mar Mediterraneo “è uno dei mari più belli del mondo perché è contraddistinto da una varietà di luoghi straordinari”. Ha, tuttavia, espresso il proprio rammarico per il fatto che la costa croata sia stata deturpata in diversi punti con progetti mastodontici di edificazione e con la costruzione dei marina, il che ha alterato la naturale bellezza delle insenature.

«Paesi di sabbia»

Gentile ha infine parlato del suo ultimo romanzo, il succitato “Pensieri di sabbia”, nel quale mette a confronto le città mediterranee con Dubai, e ha letto alcune poesie, una di queste dedicata a Fiume.
Al termine dell’incontro, la presidente della CI di Abbazia, Sonja Kalafatović, ha ringraziato Brunello Gentile per la sua disponibilità e l’ex presidente della CI di Fiume, Orietta Marot, per avere reso possibile l’incontro letterario con l’illustre autore.
La piacevole serata è proseguita con una degustazione della cucina vegetariana di Deborah Voncina Ivanić.

Facebook Commenti