A Umago si pensa già a settembre

Secondo Arden Sirotić, preside della Scuola elementare italiana «Galileo Galilei», uno degli obiettivi per il 2021/2022 è l’ammodernamento del programma didattico

Arden Sirotić

L’anno scolastico 2020/2021 sarà ricordato come un altro anno particolarmente difficile, che non si è svolto nel modo tradizionale, un anno che ha messo il mondo della scuola a confronto con la situazione dettata dall’emergenza Covid-19. Quest’ultima ha apportato numerosi cambiamenti allo stile di vita di tutti noi. E ha costretto alunni e insegnanti a lavorare in alternanza tra lezioni in presenza e online, interrompendo il normale ciclo dell’attività didattica classica. Un grosso impegno anche per le famiglie, genitori e nonni. E non sempre aiutare gli scolari è stato facile, anzi. Arden Sirotić, preside della Scuola elementare italiana “Galileo Galilei” ne sa qualcosa.

L’VIII classe del 2020/2021 con il preside

Come sono stati accettati questi cambiamenti?

”Siamo stati catapultati in ambienti virtuali, con un nuovo modo di lavorare e un diverso approccio didattico per mantenere il contatto con i ragazzi. Diminuendo il rapporto sociale di vicinanza fisica tra alunni e insegnanti, svolta normalmente negli ambienti scolastici, in aula, tra i banchi di scuola. E questo ha creato qualche disagio anche alle famiglie”.

Il piano di lavoro didattico-pedagogico è stato comunque portato in porto?

”Dall’analisi del lavoro svolto nell’anno scolastico 2020/2021 posso concludere che la nostra scuola è stata molto attiva, non soltanto nell’attuazione di quanto previsto dal piano e dal programma di ogni singola materia, ma anche, e soprattutto, per quanto riguarda il nostro obiettivo di integrare le attività regolari “classiche”, volte a far toccare con mano i contenuti, quando naturalmente era possibile, con nuove esperienze virtuali, purtroppo sempre più presenti causa la situazione. Riuscire ad alternare le attività scolastiche e le lezioni in presenza e in remoto è stato possibile grazie all’impegno di tutti e alla collaborazione tra alunni genitori e insegnanti. Siamo inoltre fieri di avere un collettivo esperto, dinamico e versatile, aperto a qualsiasi sfida”.

Come siete andati alle gare di materia?

”Grazie a questa collaborazione e questo spirito di lavoro in team, ricordiamo numerosi successi ottenuti a varie gare in lingua italiana, lingua inglese e matematica, quelli ottenuti in vari concorsi letterari, artistici, video amatoriali, come pure ottimi risultati nelle gare sportive. Voglio ringraziare di cuore tutti gli alunni che si sono impegnati e distinti nelle molteplici attività didattiche, che ce l’hanno messa tutta nella partecipazione alle attività proposte dalla scuola e, comunque, a tutte quelle iniziative che hanno richiesto un aumento dell’impegno e dell’attenzione”.

I partecipanti alla cerimonia di consegna delle pagelle a Bassania

«Ci faranno fare una bella figura»

Che cosa ci può dire dell’ottava 2020/2021?

”Voglio ricordare che l’ottava quest’anno è stata frequentata da 20 alunni che ora si iscriveranno alle medie superiori di Buie, ma anche a quelle di altre città, e che sicuramente ci faranno fare una bella figura. Fra questi ragazzi ci sono anche alunni eccellenti. Durante la cerimonia di consegna delle pagelle per le classi inferiori ci siamo congratulati con i bambini e abbiamo augurato loro di trascorrere serenamente le vacanze estive. Un riconoscimento speciale è stato conferito, dal Consiglio insegnanti e dal direttore, all’alunna Alexandra Buić, ottima in tutte le materie per tutti gli otto anni di studio. Ha rappresentato la scuola con onore nella maggior parte delle gare del sapere e non solo, dimostrando sempre entusiasmo, dedizione, costanza e altruismo”.

A numeri, come siamo messi?

”Anche nel prossimo anno scolastico 2021/2022 supereremo i 200 iscritti: ne avremo, per la precisione, 202, esattamente come l’anno prima. In prima classe abbiamo 18 iscritti, gli alunni che hanno concluso l’ottava sono stati 20, ma altri alunni ci sono pervenuti o da altre scuole o dall’estero, e questo ha mantenuto alto il numero degli alunni. Nella periferica di Bassania gli alunni nel complessivo sono 11, l’anno scorso erano 12. In prima non ci sono quest’anno iscritti, ma è normale per le periferiche”.

D’estate non ci si ferma nemmeno a scuola; piccola pausa, ma molti lavori da fare. Quali sono in programma?

”Oltre ai costanti lavori di manutenzione quali interventi di verniciatura delle pareti, gli investimenti da eseguire riguardano il risanamento del solaio con l’allestimento di vani da usare come deposito di materiale tecnico, il risanamento dei servizi igienici, quello dei pavimenti, interventi all’impianto elettrico e a quello idrico della scuola. Nel corso delle vacanze estive proseguiremmo con l’acquisto di attrezzature informatiche adeguate, lavagne interattive, proiettori, software, licenze necessarie onde poter svolgere un insegnamento moderno, con lo scopo di promuovere lo sviluppo tecnologico, il potenziamento degli strumenti didattici e di laboratorio per l’innovazione didattica e lo sviluppo della cultura digitale. L’uso dei mezzi didattici moderni è importante, sia per la formazione degli alunni che per quella dei docenti, per dare a questi ultimi la possibilità di usare le attrezzature necessarie per svolgere lezioni secondo gli standard moderni, che possano includere processi d’istruzione innovativi. Verranno pure acquistati mezzi didattici per le varie materie d’insegnamento e completati i laboratori scolastici con attrezzature moderne. Un ringraziamento speciale a tutto lo staff della SEI per l’eccezionale impegno profuso che ha consentito a tutta l’organizzazione didattica di funzionare in maniera veramente impeccabile. Auguro a tutti gli alunni e insegnanti un periodo di vacanza sereno, ricco di emozioni e di esperienze belle, in piena salute. Alla fine rivolgo un invito a tutti a seguire puntualmente le disposizioni sanitarie per il contenimento del contagio di questo virus che ha cambiato le nostre vite. Ci vediamo il 6 settembre a scuola per il nuovo anno scolastico 2021/2022”.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.