Il Covid stronca il regista fiumano Bernardin Modrić: diresse un film su Romolo Venucci

0
Il Covid stronca il regista fiumano Bernardin Modrić: diresse un film su Romolo Venucci
Bernardin Modrić si è spento all'età di 67 anni. Foto Goran Žiković

La cinematografia croata e in particolare quella fiumana piange la scomparsa di Bernardin Modrić. Il regista è morto nel capoluogo quarnerino all’età di 67 anni per  conseguenze riconducibili al Covid. Era nato il 18 aprile 1954 a Ogulin. Nella sua proficua carriera ha realizzato un centinaio di cortometraggi e documentari, premiati in Croazia e all’estero. È stato uno dei fondatori e direttore dell’Istra film, associazione artistica degli artisti dell’opera cinematografica di Fiume e Zagabria che opera dal 1987. È stato anche membro dell’Associazione degli artisti croati, della Società croata degli artisti cinematografici e direttore dell’History Film Festival di Fiume.
Della  sua filmografia ricordiamo  i film “La leggenda della morte bianca”, “La basilica Eufrasiana a Parenzo”, “Janko Polić Kamov o il cavaliere della maledizione nera”, “Romolo Venucci”, “Il Vangelo secondo Klović”, “L’uomo di pietra-Ivan Mažuranić”, “Le tribù del Rhythm Rock tribes”, “Il primo siluro”, “I colori di Novi Vinodolski”, “Frano Supilo – storia di un’illusione”, “La mia Europa”, “Io, Branko con l’aggettivo Fučić”…

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.

No posts to display