San Pietro in Selve sceglie la miglior luganiga istriana

Grande attesa per l'evento del 31 gennaio

Una foto delle edizioni precedenti svoltesi a San Pietro in Selve. Foto Dusko Marusic/PIXSELL

Se Antignana è la capitale istriana del prosciutto, alla pari, a San Pietro in Selve (Sveti Petar u Šumi) va attribuita la corona di regno della salsiccia (luganiga) istriana. Il prossimo 31 gennaio una giuria determinerà qual è la miglior luganiga fatta alla maniera tradizionale in Istria, mentre l’ottava edizione della sagra “Con la luganiga in Europa” è in calendario il 21 e 22 marzo. Alla rassegna del 31 non possono competere i produttori di insaccati o chi fa della lavorazione della carne la sua principale attività. Per dirlo in parole povere, i “professionisti”. I campioni di salsiccia in concorso vanno consegnati dalle 8 alle 15 dal 28 al 30 gennaio negli uffici preposti del comune di San Pietro in Selve. Il campione di luganiga di 50 cm circa deve essere accompagnato dal certificato di adesione. La giuria di esperti proclamerà il vincitore e le dieci migliori luganighe. La consegna dei premi è prevista il 22 marzo.
Nell’ambito della sagra del 31 gennaio a San Pietro in Selve sono previste degustazioni, vendita di prodotti tipici, giochi a premi e cooking-show ovviamente con la luganiga in primo piano. La promozione dei prodotti tipici in Istria è l’obiettivo principe di questa manifestazione. Una volta concluso l’adattamento della “Casa croata della salsiccia”, a San Pietro in Selve si creeranno le condizioni per far diventare questo centro istriano un punto di riferimento per gli amanti degli insaccati. La rassegna internazionale “In Europa con la luganiga” fin d’ora si annuncia all’insegna del tutto esaurito: sono annunciati 10mila visitatori e gli organizzatori invitano i potenziali espositori di procedere già adesso a prenotare e compilare quanto necessario, il loro posto alla manifestazione.

Facebook Commenti