Via Altura, un parcheggio da 29 posti

I lavori, incluso il sistema di acque di scolo e l’illuminazione, sono costati un milione di kune

Il parcheggio in via Altura

Di parcheggi non ce n’è mai troppi. E da un paio di giorni, Pola ne ha uno in più. I lavori di costruzione di una nuova area di posteggio in via Altura sono finalmente terminati, pertanto la Città ha guadagnato 29 posti macchina aggiuntivi di cui due riservati agli invalidi, ossia alle persone di capacità motoria ridotta o impedita. Non sarà la soluzione al grande problema dell’assenza generale di posti macchina, ma ad ogni modo un piccolo contributo al miglioramento delle condizioni di vita e deambulazione urbana. Oltre ad aver organizzato e allineato i posti macchina, con il medesimo progetto è stato anche costruito il sistema di scolo per le acque meteoriche, nonché collocata l’illuminazione pubblica. Prevista, inoltre, la creazione di un’area verde ordinata. Per il momento è stato fertilizzato il terreno, mentre la messa a dimora di alberi e piantine dovrà attendere condizioni meteorologiche più adatte. I lavori per il parcheggio dal costo di un milione di kune sono stati intanto eseguiti dall’impresa TGT-Adriatik di Pola, dallo scorso mese di maggio.

Il nuovo parcheggio con i pali dell’illuminazione pubblica installati

”A Pola mancano i posteggi – ha commentato in merito il sindaco di Pola, Filip Zoričić – Questo è un dato di fatto. Abbiamo promesso la costruzione di zone adibite a parcheggio e case-garage, per cui esamineremo le loro potenziali ubicazioni fino a decidere in merito assieme ai cittadini. Uno dei nostri obiettivi principali che intendiamo portare a realizzazione è la creazione di un centrocittà ossia di trasformare i Giardini in zona pedonale”. Va ricordato che questa è una metamorfosi tentata da tante passate amministrazioni locali. Sempre con insuccesso.

S'informano i gentili lettori che tenuto conto delle disposizioni dell'articolo 94 della Legge sui media elettronici approvata dal Sabor croato (G.U./N.N. 111/21) viene temporaneamente sospesa la possibilità di commentare gli articoli pubblicati sul portale e sui profili sociali La Voce.hr.