Una Biblioteca per l’infanzia al passo con i tempi

Procedono a ritmi spediti i lavori in via Smareglia per mettere a disposizione di bambini e ragazzi una struttura ricca di contenuti anche per i disabili

Un mondo di letture per ragazzi in via Smareglia

Non tutti i mali vengono per nuocere. Il lockdown culturale continua a giocare a favore dell’istituzione a Pola di una biblioteca per l’infanzia attrezzata di tutto punto dislocata dagli ambienti della Biblioteca centrale di via San Giovanni. Dietro alle vetrine mascherate da cartoncino si sta portando avanti un enorme mole di lavoro d’inventario, catalogazione e sistemazione di libri e albi illustrati per la futura casa delle letture, che dalla storica sede al Centro infanzia di via Radić si è trasferita in via Smareglia 2. Una gran perdita per l’ex Casa del pioniere da sempre palcoscenico di spettacoli e tanta creatività artistico-culturale? I bibliotecari dicono di no, perché già con il trasloco in ambienti improvvisati avvenuto alla fine del 2019, il numero dei fruitori era cresciuto vistosamente portando a 764 gli affiliati e i frequentatori assidui nel 2020. Merito della vicinanza dei mercati e del centrocittà, nonché della comodità che quest’ubicazione rappresenta soprattutto per i genitori.

 

Ieri, 2 aprile, Giornata internazionale dei libri per ragazzi, questi spazi dovevano rimanere chiusi. “Gentili utenti, vi informiamo che la Biblioteca è in fase di ristrutturazione e arredamento. I libri presi in prestito si possono rendere alla Biblioteca centrale. La restituzione è possibile fuori orario mediante sportello automatico, ‘libromat’. Grazie della comprensione”: è la scritta in cui ci s’imbatte sulle porta d’ingresso e tale rimarrà fino al prossimo anno scolastico 2021/2022, perché portare a termine un’impresa dal costo di 650mila kune assegnate dalla Città, non è fattibile in breve termine.

Sala gioco e attività in preparazione

“La biblioteca – spiega la direttrice della Civica, Nela Načinović – verrà nobilitata da nuove proposte e contenuti, adattata ai bambini con difficoltà di sviluppo e ai disabili, mentre ci aspetta l’ulteriore ampliamento, che prevede l’organizzazione della biblioteca multimediale in funzione dei giovani con proposte di qualità per leggere, studiare e trascorrere il tempo libero. Le porte saranno aperte a bimbi, genitori, educatori, studenti, insegnanti, pedagogisti che qui potranno consultare collane speciali e letture dedicate alla scienza della formazione”. I complimenti ai bibliotecari per lo stato d’avanzamento dei lavori e la riorganizzazione del materiale librario sono stati espressi anche dal vicesindaco Elena Puh Belci, che in occasione della Giornata delle letture per l’infanzia ha fatto visita a questi ambienti che arricchiranno sostanzialmente l’offerta bibliotecaria di Pola. Finora sono stati ristrutturati i soffitti e le pareti, ultimata la ricostruzione delle installazioni elettriche, effettuato l’allestimento di materiali termo-idro isolanti e tra breve verrà rifatta anche la pavimentazione. La biblioteca, che disporrà in complessivo di 185 metri quadrati, avrà i suoi angoli: quello dei libri, degli albi illustrati, dei giocattoli e contenuti ludici; la stanza dell’attività-lavoro-studio con una ventina di posti a sedere; l’ambiente con lo sportello informazioni-prestiti, l’angolino per i bebè, il mini ambiente informativo per genitori, la “piccola scena per i lettori in erba e un cortile sul retro per le attività all’aperto. Immancabili saranno le proposte digitali e multimediali, da laboratorio e conferenza. Fondo libri? In tutto 17mila volumi per tutte le età, cui si aggiungeranno nuovi titoli da ordinare di anno in anno. Gli scaffali conterranno albi, romanzi e racconti per ragazzi e adolescenti, letture di divulgazione scientifica, manuali per genitori, fumetti, riviste, audiolibri ecc. Il Ministero della Cultura ha assegnato ulteriori 150mila kune, attinte dal programma di finanziamento delle necessità pubbliche per il 2020, a titolo d’acquisto di nuovi scaffali, tavolini, sedie e attrezzatura interattiva. A causa dell’epidemia, non tutto è già arrivato a destinazione e parte dei contingenti commissionati sono ancora fermi nelle fabbriche…

Facebook Commenti