Prima casa: Pola aiuta i giovani

Si farà carico del 50 p.c. del tasso d’interesse sul mutuo, fino a un massimo di 1.500 kune mensili

Elena Puh Belci spiega le nuove agevolazioni per la prima casa

Mezzo milione di kune attende gli under 40 per l’acquisto della prima casa. Elena Puh Belci, vicesindaco con delega alle Politiche sociali e Irena Perusko, dell’Assessorato agli Affari sociali, hanno presentato le recenti modifiche alla delibera che disciplina i sussidi a copertura di parte degli interessi bancari per l’acquisto della prima abitazione.

 

La delibera è stata modificata in funzione delle esigenze delle giovani coppie che stanno attraversando un momento doppiamente difficile in seguito alla pandemia. “In mancanza di un posto fisso e in seguito ai continui lockdown, la chiusura o il fallimento delle attività commerciali e produttive, l’accesso a un mutuo bancario è pieno di ostacoli – rileva Elena Puh Belci – per cui la Città ha deciso di favorire i mutui finalizzati all’ampliamento e alla costruzione”.

Per esempio, i genitori sono in possesso di un lotto edificabile o di una casa; ora i figli possono elevarla di un piano o allargarne la pianta e ricavare un altro alloggio per la nuova famiglia. La Città speserà anche in questo caso il 50 p.c. del tasso d’interesse bancario fino a un massimo di 1.500 kune al mese o 18.000 l’anno. Un aiuto concreto che permetterà alle coppie di mettere su famiglia senza indebitarsi eccessivamente, come avviene di regola per l’acquisto degli alloggi di nuova costruzione.

Le condizioni per avere l’agevolazione sono le seguenti. Intanto il richiedente deve avere non più di 40 anni al momento dell’inoltro della domanda, deve risultare residente sul territorio della Città di Pola da almeno 10 anni (complessivi, in caso ci fossero state interruzioni), non può avere altre proprietà fondiarie oltre a quella che sta comprando o costruendo (vale anche per il consorte e gli altri membri della famiglia che andranno ad abitare la casa sovvenzionata), deve aver stipulato un mutuo bancario e non deve avere pendenze nei confronti dell’ente locale.

Va da sé che a questi patti è concesso acquistare o costruire un solo appartamento. Un’altra condizione è tassativa: che il valore del prestito non superi i 100.000 euro.

Facebook Commenti