Pola. Lo Scoglio dei frati apre ai bungalow

L’azienda municipale che gestisce l’isolotto ne commissionerà 20. Dovrebbero entrare in funzione nel 2020

Panoramica aerea sullo Scoglio dei frati

L’impresa commerciale “Fratarski s. r. l.” si prepara a commissionare uno stock di bungalow in legno per soggiorno al mare da collocare sullo Scoglio dei frati. Una ventina di questi prefabbricati dotati di posti letto, dovrebbe rendere ancora più popolato il “rifugio” insulare dei vacanzieri locali, che qui hanno insediato il proprio quartier generale di tipo sportivo-balneare discretamente lontano dalle spiagge turistiche. Non si parla di roulotte, di camper o di casette mobili, ma semplicemente di una soluzione consona come le strutture lignee, da integrare all’ambiente naturale.

Le tende rimangono

Si abbandona la sistemazione tradizionale in tenda? Nulla di fatto. Di questi giorni è arrivata la conferma da parte del direttore dell’impresa che gestisce l’isola, Vjekoslav Jozanović: la novità è in arrivo per la prossima estate e non farà sloggiare la… tendopoli, bensì si inserirà nella zona alberata sudorientale dello Scoglio, finora non praticata e non adibita al campeggio. Si tratta di un’ulteriore offerta da proporre dopo quella del beach bar, inaugurato nel corso di questa stagione calda. Stando ai piani dei gestori, l’area “indoor” dei bungalow dovrebbe estendersi su di una superficie di addirittura 1.000 metri quadrati. Il costo dei prefabbricati e del loro affitto ai vacanzieri non è ancora stato stabilito. Ancora è tutto in… alto mare e prima di raggiungere l’isola, l’idea dovrà navigare a livello di progetto di massima e di preventivo spese, che in questo momento sono in fase di stesura. A detta del direttore della Società, i costi non dovrebbero svuotare le tasche della clientela locale, con ciò che la fattura di noleggio per gruppi dovrebbe rivelarsi del tutto accettabile. Il proposito delle casette in legno sullo Scoglio dei frati è maturato dopo aver recepito la costante richiesta di sistemazione insulare da parte di più famiglie e gruppi organizzati, desiderosi di trascorrere sull’isola, dentro strutture solide e chiuse, anche le stagioni primaverili ed autunnali.

Una stagione più… lunga

Tra gli interessati a un programma di permanenza al mare pure la Facoltà per lo sport e la Scuola marina di Lubiana. E comunque, esiste la chiara intenzione di prolungare la stagione sullo Scoglio, per non vederla più limitata a luglio e agosto. Farebbero comodo anche i mesi tiepidi di maggio e di settembre. Stando alle valutazioni, la soluzione della sistemazione in bungalow dovrebbe rivelarsi buona, dal momento che negli anni Novanta erano andate molto in voga una trentina di roulette, in seguito rimosse. Inoltre, si è preso atto del fatto che diversi interessati vorrebbero soggiornare sull’isola, evitando il pernottamento in tenda e cercando un’alternativa più agiata. I bungalow in piano di ordinazione dovrebbero collegare in sé una comodità ottima, gli elementi naturali e un’atmosfera rustica, rivelandosi una buona scelta per vivere un’esperienza completamente diversa da quella in tenda o in hotel. Niente cemento, comunque. E, come spera la gente di casa, niente turisti invadenti e chiassosi. E in detto caso l’impresa dovrebbe evitare di farsi esagerata pubblicità.

Facebook Commenti