Pola. Le luci dell’Avvento illuminano il centrocittà

Con l’accensione dell’’albero digitale in piazza Port’Aurea è iniziato ufficialmente “Dicembre in città”

Le autorità cittadine hanno detto accendi, e… luce fu. Niente taglio di nastro, ma un’inaugurazione dell’Avvento a dire il vero accecante affidata alle migliaia e migliaia di lampade LED, alla globo natalizio in piazza Foro, e, all’abete digitale di 8 metri, che per altezza guarda con superiorità la semplice bellezza di pietra costituita da Port’Aurea. L’era digitale vince su tutto e si affianca come ancella la vecchia e tranquilla tradizione dell’Avvento e il percorso che reca con se tutta la simbologia della natività fino alla festa che la celebra. Il clima prenatalizio si è ieri illuminato a tutti gli effetti premendo il tasto dell’interruttore per far finalmente brillare i chilometri di fili di luminarie allestite per tutta Pola. Fanno ancora cilecca solo certi rioni di periferia. E la gioia collettiva soprattutto giovanile, più che attorno all’abete di luci e metallo, si è concentrata tra il viale alberato dei Giardini e l’ingresso dell’edificio dell’Agenzia delle finanze (FINA) da dove ha imperato subito, e in maniera indiscussa, la pista ghiacciata.
Pattini a ruba
Ieri il via libera e la distribuzione gratuita dei pattini che sono andati a ruba con tutti gli ausili, magari per ricordare le abilità acquisite e dimenticate negli anni, nonché scorrere con più sicurezza sulla superficie ghiacciata, bianca e ancora laccata a nuovo, in compagnia di personaggi fantastici (biscottini viventi e pupazzi di neve ambulanti). Il sindaco di Pola, Boris Miletić ha augurato a tutti i suoi concittadini, giovani e non, un buon divertimento nel vivace e scatenato periodo di fine anno, invitando tutti a questo luogo di raduno festivo per creare un’atmosfera di partecipazione collettiva ed esprimere amore nei confronti della propria città. Il via alle sfrecciate e anche ai primi maldestri capitomboli su ghiaccio è stato decretato da Ivan Glušac, direttore dell’ente Pula Sport, che ha commissionato la creazione della magia sul ghiaccio portandola in pieno centrocittà, a costo di sacrificare e dirottare l’intero circuito autoveicolare urbano. Inutile recriminare, la missione principale fortemente voluta è quella delle celebrazioni per il Dicembre in Città, grande evento fatto di 170 mini eventi da proporre su regia del Pola Film Festival, su una quarantina di palcoscenici diversi.
Le luci del tunnel di Visualia
Si diceva luce fu, anche per un effetto speciale aggiuntivo, magico-spaziale, creato da Visualia, dai suoi maestri degli effetti luminosi tridimensionali. Ed ecco a noi 50 metri di tunnel luminoso in piena strada che affianca il piazzale dei ladogni, stranamente libera dai veicoli, completamente affidata ai padroni-pedoni. Fatto surreale, davvero. Più in là, ecco a noi il Bosco magico, le casette, i tipici chalet natalizi in legno (bianco nel nostro) addobbati di tutto punto abbigliati con luci e colori in stile per rendere elegante ma non troppo omogenea la proposta. Stand che hanno cominciato a proporre idee regalo e articoli di artigianato, mentre altri si fanno avanti con prodotti alimentari e bevande offrendo un’occasione di vivere e soprattutto gustare prelibatezze locali (e non), tipiche del periodo. Tra tanta offerta, anche la casetta verde-montagna di Babbo Natale, che ancora non si fa vedere. Per i bimbi arriverà, per gli adulti (crucciati) un po’ meno. Il ricco programma di eventi natalizi è stato anche inaugurato dalla band The night express, la prima tra le tante, che si esibiranno in piazza Port’Aurea votata alle notti magiche del rock e non ai brani natalizi.

Facebook Commenti